Organizzavano arbitrariamente ronde e spedizioni contro cittadini extracomunitari, prevalentemente magrebini. Non è l’ultima trovata di un sindaco leghista ma l’iniziativa di alcuni cittadini cinesi residenti a Prato. Secondo la procura di Prato, che indaga su diversi episodi di pestaggi avvenuti nel centro della città dall’inizio dell’anno, vere e proprie squadre di vigilanza presidiavano il territorio per proteggere i propri connazionali da extracomunitari di provenienza africana, considerati dalla comunità cinese responsabili di rapine ai suoi danni.

Gli atti intimidatori, stando a quanto riferito dalla polizia, sono comunque avvenuti anche ai danni di cittadini nordafricani “estranei a fatti delittuosi”. Dalle indagini, partite nel 2015, sono emersi numerosi indizi a carico di sette indagati, in stato di libertà, accusati dei reati di associazione a delinquere e atti violenti per motivi razziali.

Venerdì mattina la polizia pratese, coordinata dalla Procura e diretta dal dirigente della Squadra mobile Francesco Nannucci, ha effettuato nove perquisizioni, sette delle quali nelle abitazioni dei presunti vertici dell’organizzazione criminale cinese e due nelle sedi dell’associazione culturale “La Città del Cervo Bianco”, di cui tutti gli indagati sarebbero esponenti. I pm hanno riferito che nelle case sono state trovate mazze da baseball e bastoni ferrati con tondini da edilizia. L’associazione “La Città del Cervo Bianco”, che richiama il simbolo della città di Wenzhou, nella provincia dello Zhejiang, di cui i tesserati sono originari, era finita nelle cronache locali lo scorso dicembre perché aveva ripulito le strade della Chinatown di Prato.

L’inchiesta non è collegata alla rivolta dei cinesi di Sesto Fiorentino di due giorni fa, quando la polizia ha caricato i cinesi intenti a impedire i controlli della Asl in un capannone di loro proprietà nell’Osmannoro, territorio del comune in provincia di Firenze. Alcuni degli indagati di Prato avrebbero tuttavia partecipato anche a quella sommossa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bambini vegani ‘denutriti’, quanti casi di disinformazione

prev
Articolo Successivo

Vaticano, primo incontro tra il Papa e Virginia Raggi. “Con Francesco impegno per essere testimoni degli ultimi” (FOTO)

next