Svanito nel nulla. Da una decina di giorni le ricerche del popolare cantante nigeriano Ado Daukaka sono senza esito. Solo poche ore prima della sua sparizione, era stato lanciato il suo nuovo album, che denuncia pubblicamente la corruzione della classe politica nigeriana. Daukaka, originario dell’Adamawa State, nel nordest della Nigeria, è scomparso dopo essere uscito di casa, la mattina presto, per recarsi alla moschea. Stando a quanto dichiarato dalla famiglia, pochi minuti dopo che Daukaka era uscito, alcuni sconosciuti si erano presentati alla porta, chiedendo di lui.

Hadiza Dauda, una delle mogli del cantante, ha dichiarato in lacrime alla Bbc: “Lo abbiamo cercato ovunque. Il suo telefono è spento. Stiamo facendo tutto il possibile, ma non c’è traccia di lui. Facciamo appello a chiunque di aiutarci a trovarlo. Temiamo per la sua vita”. Da allora, nulla più si è saputo. Il cellulare dell’uomo è spento e non si sono trovate finora altre sue tracce. Le forse dell’ordine hanno intensificato le ricerche, domandando l’aiuto della popolazione tutta. Othman Abubakar, il portavoce della polizia dello stato dell’Adamawa, ha dichiarato che gli agenti stanno facendo del loro meglio.

Amici e fans stanno diffondendo sul web la sua foto, con la richiesta di aiuto, linkando la sua ultima hit, intitolata Gyara kayanka, che in lingua hausa significa Facciamo la cosa giusta, canzone della quale si afferma che i politici del partito al governo, l’All Progressives Congress, stanno tradendo il loro elettorato, facendo promesse che mai vengono mantenute. 

Secondo molti, si tratterebbe di un sequestro: “Non sorprende che possa esser stato rapito a causa di questa canzone – ha dichiarato un suo parente, Atiku Mustapha, al quotidiano nigeriano Premium Times –. Vogliono solo intimidire le voci critiche“. “Condanniamo questo rapimento – afferma Hussaini Bello, leader dell’Adamawa Concern Citizens, un gruppo di pressione della società civile – Stiamo investigando su quanto accaduto e chiunque sia coinvolto verrà smascherato. Nella nostra società i cantanti usano il loro talento per influenzare l’opinione pubblica e a volte le canzoni non vanno giù al politico di turno”. Abdullahi Mustapha, un altro attivista per i diritti umani, ha dichiarato: “È inutile. I politici non tollerano critiche. Vogliono solo lodi”.

Nel nord della Nigeria, così come in altre regioni dell’Africa, i cantanti hanno una forte influenza e le loro canzoni possono anche innescare cambiamenti politici. Paradossalmente, in questi giorni la hit di Daukaka viene diffusa ancora più ampiamente, tramite il web e gli smartphone. Chi voleva metterlo a tacere, sta ottenendo l’effetto opposto.

Secondo quanto riferito dalla BBC, il cantante Ado Daukaka è stato liberato il 29 giugno.

Aggiornato da Redazione Web alle 11.50 del 4 luglio 2016

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rio 2016, le Olimpiadi della tristezza

prev
Articolo Successivo

Brexit, larga maggioranza deputati Labour sfiducia Jeremy Corbyn. Lui: “Non mi dimetto”

next