“I reati dei quali è accusata la falsa pediatra arrestata a Roma? Esercizio abusivo della professione medica e truffa. Noi ci costituiremo parte civile per la tutela dei genitori del piccolo Edoardo”. Così l’avvocato Alessandro Nigro dello studio legale ‘Saulle & Associati’ che tutela i genitori del bambino in “cura” dallo scorso dicembre di Simona Salvatori. Viviana e Daniele sono stati coloro che che per primi hanno denunciato alla Polizia che erano vittime, come poi ha accertato la magistratura romana, di un falso medico (guarda il video). Da lì le indagini che hanno portato all’arresto (da metà maggio la Salvatori è agli arresti domiciliari), del falso professionista che aveva in “cura” altri ignari pazienti. “A noi risulta che la persona avesse una laurea, ma – spiega ancora Nigro – non specifica per le profesioni mediche e che non dava alcuna abilitazione alla somministrazione di farmaci” riprese di Paolo Dimalio e Samuele Orini, montaggio di Paolo Dimalio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Falsa pediatra a Roma, parla una vittima: “Ha giocato sulla pelle di mio figlio”

prev
Articolo Successivo

Torino, assalti a farmacie e sale gioco con il raschietto: presa la banda dello ‘zoppo’

next