Nove anni in una cella, 36 ore di contatto con la realtà. Rudy Guede, unico condannato a 16 anni per l’omicidio di Meredith Kercher (uccisa a Perugia il primo novembre 2007), ha ottenuto un permesso premio ed è uscito dal carcere Mammagialla di Viterbo. Camicia bianca, capelli corti, aria spaesata. Con passo incerto è uscito dal cancello della casa circondariale per raggiungere l’automobile che, dopo un passaggio in caserma per adempimenti formali, lo ha condotto nella casa di accoglienza del Gavac, l’associazione di volontariato assistenti e animatori carcerari, che a Viterbo ospita i detenuti in permesso e i loro familiari che vengono da lontano. Nelle due giornate di permesso premio potrà incontrare familiari e parenti inseriti in una lista passata al vaglio dai magistrati ma non potrà uscire dalla casa accoglienza né avere rapporti o dialoghi con persone esterne non autorizzate. “E’ sereno – ha detto il suo portavoce Daniele Camilli – ha chiesto una scacchiera, Big Babol, due panini, una birra e un melograno“. Tra le richieste del 29enne c’è anche quella di un profumo. L’ivoriano da sempre si è dichiarato innocente (video). In carcere ha terminato gli esami universitari e conseguirà la laurea in storia contemporanea il 16 luglio prossimo con una tesi sui mass media. Assolti definitivamente dalla Cassazione Amanda Knox e Raffaele Sollecito, Guede resta l’unico condannato in via definitiva per il delitto

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, lite per una porta che sbatte nella stanza adibita a moschea: profugo ucciso a coltellate in centro accoglienza

prev
Articolo Successivo

Luino (Varese), donna trovata morta in riva al lago Maggiore: “Ipotesi suicidio”

next