Migliaia di persone stanno partecipando al Gay pride di Londra, dove quest’anno alle bandiere arcobaleno si mescolano quelle nazionali e dell’Unione europea. La sfilata dell’orgoglio Lgbt, tra le maggior celebrazioni del genere nel mondo, ha invaso la City il giorno dopo la proclamazione della Brexit. Musica, festeggiamenti e molti cartelli ricordano anche la strage di Orlando, in Florida, dove due settimane fa un uomo ha ucciso 49 persone un club gay. La presenza della polizia è visibile, come aveva promesso Scotland Yard per far sentire sicuri i partecipanti. Ma la stessa polizia di Londra ha assicurato che non è stata registrato rischio di attacchi. Un elicottero della polizia sorvola la parata, mentre gli agenti sono schierati lungo il percorso

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Fuck Brexit”, protesta a Londra: “E’ stato un voto anti-immigrazione e non contro l’Unione europea”

prev
Articolo Successivo

Brexit, le contromosse dei pro Remain: petizione per ripetere il referendum e Scozia chiede (di nuovo) indipendenza

next