Cosa c’entra la Brexit con le pensioni d’oro di Giuliano Amato e Lamberto Dini? Nulla, apparentemente. A meno di non chiederlo al M5s Alessandro Di Battista, magari mentre attende i risultati del referendum nel Regno Unito alla residenza dell’ambasciatore britannico a Roma. “Quella è la strada, permettere ai cittadini di scegliere”. E parte l’esempio: “Immaginate, qualora fosse possibile in Italia, di indire un referendum per il taglio dell’80% delle pensioni d’oro“. E allora? “Durante la raccolta firme pensionati come Dini o Amato avanzerebbero loro una controproposta per tagliarle magari il 40%. Questo è quello che insegna da un punto di vista politico strategico il referendum in Gran Bretagna”. Un’arma di ricatto? No, “strumenti di democrazia diretta per avere potere contrattuale tale da costringere la grande finanza europea non a concedere, ma a cedere privilegi, soprattutto decisionali, di cui si sono appropriati in barba alla democrazia”. Tutto chiarissimo, certo. Ma alla fine le pensioni di Dini e Amato le tagliamo dell’ottanta percento o del quaranta?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Virginia Raggi, “vi mostro la stanza della sindaca”. La diretta Facebook dall’ufficio

prev
Articolo Successivo

Bologna, (ri)nasce il Pci: “Basta alleanza col Pd, noi siamo gli operai del terzo millennio”

next