Vittorio Sgarbi, direttamente dall’ospedale di Bergamo dove è stato ricoverato per una colica renale, è intervenuto ai microfoni di Radio Cusano Campus a ECG Regione. Il critico d’arte ha raccontato cosa gli è successo: “Sono andato sul Lago di Iseo e sono stato travolto da Christo. La bruttezza di quell’opera mi ha fatto venire una colica renale? Ecco, forse è stata una concausa, certamente – continua – sono andato a vedere le opere d’arte di quei bellissimi luoghi dicendo che la passerella avrebbe avuto senso se non fosse stata proiettata verso il nulla ma verso quei luoghi bellissimi che sono presenti sul Lago. Il dolore? Ho pensato che sarei morto“. Poi aggiunge: “Una passerella deve servire per andare nei luoghi, non per masturbarsi. La notte l’ho passata vedendo delle terme romane, delle chiese, ho fatto un percorso originale, poi nella mattinata mi sono reso conto che avevo questa dolorosissima colica renale”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ballottaggio Roma 2016, Raggi contro Giachetti: ultima sfida in Campidoglio su Sky Tg24

next
Articolo Successivo

Europei 2016, colpo di scena in diretta per Sky: scatta l’inseguimento allo scippatore

next