Microsoft comprerà LinkedIn per 26,2 miliardi di dollari. L’accordo prevede che il colosso di Redmond paghi 196 dollari ad azione, con un premio del 49,5% rispetto alla chiusura di venerdì scorso a Wall Street. Si chiude così una trattativa lampo grazie alla quale, entro metà del 2017, il social network che conta circa 400 milioni di professionisti iscritti entrerà a far parte del mondo Microsoft. Lo farà “mantenendo il proprio brand distintivo, cultura e indipendenza”, come annuncia la società fondata da Bill Gates, e l’amministratore delegato di Linkedin Jeff Weiner resterà al suo posto. La chiusura dell’operazione è prevista entro la fine del 2016 e Microsoft finanzierà la transazione in primo luogo attraverso l’emissione di nuovo debito.

Dopo l’annuncio dell’accordo, all’apertura di Wall Street il titolo di LinkedIn ha registrato un balzo in avanti del +47,57%, mentre Microsoft ha aperto con un calo -3,92%. LinkedIn conta circa 400 milioni di utenti, ma ha chiuso l’ultimo trimestre del 2015 con un rosso di 8,4 milioni di dollari, a fronte di 2,9 milioni di utili nello stesso periodo del 2014.

“Proprio come abbiamo cambiato il modo in cui il mondo si connette alle opportunità di lavoro, l’unione con Microsoft e la combinazione del loro cloud con il network di LinkedIn ci dà la possibilità di cambiare anche il modo in cui il mondo lavora”, ha detto l’amminitratore delegato di Linkedin. L’ad di Microsoft Satya Nadella ha dichiarato che l’acquisizione farà crescere entrambe le parti interessate.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Corriere della Sera, il cda di Rcs boccia per la seconda volta l’offerta di Cairo Communication. Consob dà ok a Bonomi

next
Articolo Successivo

Brexit, la paura si fa sentire in Borsa: segno meno in tutta Europa, Milano perde il 2,9%. Crollano i titoli bancari

next