Uno scambio di persona. Secondo la televisione inglese Bbc, c’è solo un grosso equivoco dietro alla cattura di un uomo eritreo, fermato in Sudan ed estradato l’8 giugno in Italia. La procura di Palermo è alla ricerca di Mered Yehdego Medhane, tra i più grossi trafficanti di esseri umani al mondo, a capo di una delle più grosse organizzazioni criminali che gestiscono i viaggi dei migranti via mare verso le coste siciliane. Ma gli amici dell’arrestato forniscono un’altra versione: “Non è lui la persona che cercano”. Secondo la loro testimonianza, la persona arrestata si chiama Mered Tesfamariam e ha 28 anni. Medhane, invece, ne ha 35. E a conferma di quanto sostengono, anche alcune foto pubblicate dalla Bbc che ritraggono l'”amico” arrestato in Sudan ed estradato a Roma.

Uno degli amici, Hermon Berhe, ha detto alla polizia di essere cresciuto con il giovane arrestato: “Non credo possa essere coinvolto in niente del genere. E’ una persona buona”, ha detto. Un altro eritreo racconta di aver condiviso una casa in Sudan con l’arrestato. E una giornalista svedese di origine eritrea, che lo scorso anno intervistò Mered, sostiene che il giovane delle foto non è lui, ma un ragazzo con lo stesso nome. “E’ solo un rifugiato che si trovava a Khartoum“, ha detto al quotidiano svedese Aftonbladet.

Intanto, non sono tardate ad arrivare le prime parole della Procura di Palermo a commento delle indiscrezioni che parlano di scambio di persona. “Stiamo svolgendo gli opportuni accertamenti. Al momento tutto quello che possiamo dire – afferma il procuratore di Palermo Francesco Lo Voi – è che la segnalazione del ricercato, il suo arresto, la consegna e l’estradizione in Italia ci sono stati comunicati in via ufficiale dalla National Crime Agency inglese e dalle autorità sudanesi tramite l’Interpol“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tel Aviv, almeno 4 morti e 5 feriti per attentato in centro commerciale. Arrestati gli assalitori

prev
Articolo Successivo

Caso Regeni, “dossier rivela faida tra Servizi: accanto al corpo fu lasciata una coperta militare”

next