I sindacati dei piloti di Air France hanno confermato che dall’11 al 14 giugno ci sarà uno sciopero nazionale, dopo che questa mattina hanno respinto la bozza di accordo della direzione dell’azienda per mettere fine al conflitto che agita la compagnia aerea da diversi mesi. Il presidente di Air France, Frédéric Gagey, parlando in conferenza stampa ha sottolineato che si proverà a ridurre al minimo l’effetto delle proteste e ha anticipato che sabato, cioè un giorno dopo l’inizio degli Europei di calcio, bisognerà annullare il 20%30% dei voli.

Intanto continuano le proteste dei netturbini di Parigi contro la riforma del lavoro sostenuta dal governo del socialista Manuel Valls. Lo riferisce a Reuters il responsabile della Cgt per i servizi pubblici, Baptiste Talbot, spiegando che i lavoratori hanno deciso di estendere lo sciopero fino al 14 giugno perché “il governo si è rifiutato di trattare sulla contestata riforma del lavoro”. Il sindacato Cgt ha così respinto le pressioni governative a fare un passo indietro, considerando che domani cominceranno gli Europei.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Usa 2016, endorsement di Obama per Hillary Clinton: “Mai nessuno così qualificato per fare il presidente”

prev
Articolo Successivo

Brexit, governo Cameron spaccato: ma la frattura non è solo sull’idea di Europa

next