Vittorio Malingri, classe ’61, e il figlio ventenne Nico, sono pronti a realizzare un nuovo record con il catamarano categoria F20 (lungo 6 metri) Feel Good Citroen. Si tratta di un’imbarcazione costruita da Vittorio su progetto di SitoAviles Ramos è tutta in carbonio con alcune parti in titanio e non ha ripari fissi, il che rende le navigazioni particolarmente impegnative e “umide”, essendo l’equipaggio costantemente esposto agli elementi. Il catamarano è completamente ecologico e alimentato da energia sostenibile e può toccare una velocità di punta vicino ai 25 nodi e tenere medie attorno ai 15 nodi, con percorrenze di oltre 300 miglia al giorno.

Una passione per la navigazione che inizia a 5 anni – Vittorio è un velista con una lunga esperienza di mare in famiglia e portata avanti in giro per il mondo con diverse barche, sia durante crociere-scuola di vela sia in occasione di regate, alcune a fianco dell’amico di gioventù Giovanni Soldini. Il figlio Nico, classe ’91, impara presto ad andare per mare con il padre e conquista miglia ed esperienza al comando di una delle barche del padre, Huck Finn II. Della sua passione per la vela dice “più che aver scelto questo sport, è questo sport che ha scelto me, siamo vecchi amici: insieme stiamo benissimo”.

Alla ricerca di nuovi record nel Mediterraneo e Oceano Atlantico – Il programma di navigazione (le date esatte delle navigazioni dipenderanno dal favore di Eolo e Nettuno) presentato a Milano prevede una prima traversata a luglio 2016 da Marsiglia a Tunisi, 458 miglia lungo il Mediterraneo che rappresenteranno l’occasione di stabilire un tempo di riferimento per la classe F20 su questa rotta. Fra settembre e ottobre i due Malingri si cimenteranno anche sulla rotta di 77 miglia Portofino-Giraglia (nord Corsica), sempre per stabilire un nuovo record per i catamarani F20: data la brevità della rotta (si stima un tempo di percorrenza di 4-5 ore), si potranno tentare più navigazioni in una finestra meteo ristretta, così da fare il miglior tempo possibile. Nel 2017 Feel Good si trasferirà in Senegal e fra gennaio e febbraio l’equipaggio tenterà di battere il record di percorrenza sulla tratta di 2.545 miglia Dakar-Guadalupa (Caraibi), realizzato nel 2007 a 11 giorni 11 ore e 25 minuti dai francesi Pierre-Yves Moreau e Benoît Lequin e omologato dal World Speed Sailing Record Council. Ad Agosto 2017 la barca tornerà inoltre a solcare le acque “casalinghe”, in occasione della regata Centomiglia del Garda, dove l’equipaggio potrà confrontarsi con altri atleti italiani, nel più grande lago italiano. Padre e figlio sono pronti e impazienti di andare in acqua, per “ritrovare il rapporto primordiale tra uomo e il mare, sempre inseguendo dei sogni”.

Tutte le attrezzature a disposizione a bordo sono:
• 2 telefoni satellitari
• 2 GPS
• 2 bussole
• 1 tablet stagno satellitare
• 2 micro sport-cam fisse wi-fi
• 1 sport-cam con remoto su telefonino e supporto auto livellante
• 1 kit riparazione vele e scafi
• pannelli solari
• 2 batterie

Twitter @FraPradelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Europei 2016, l’Albania di De Biasi vince l’amichevole 3-1 contro il Qatar. Ma gli asiatici segnano dopo 1 minuto

next
Articolo Successivo

Europei 2016, Khedira: “Sfortuna Reus, ma avrà la sua chance”

next