Le pensioni erogate dall’Inps ai dipendenti pubblici al primo gennaio 2016 sono 2,8 milioni, per un importo complessivo annuo di 66,3 miliardi di euro e un importo medio mensile pari a 1.795 euro. Rispetto all’anno scorso, poi, si registra un incremento nel numero delle pensioni (+0,8%) e negli importi annui in pagamento ad inizio anno, cresciuti del 2,1% rispetto ai 65 miliardi del 2015. I dati emergono dall’Osservatorio della Gestione Dipendenti Pubblici, pubblicato sul sito istituzionale dell’Inps.

La distribuzione delle pensioni degli ex dipendenti pubblici per categoria e classi di importo mensile mette in evidenza che circa il 18,2% delle pensioni pubbliche ha un importo mensile inferiore ai 1.000 euro, il 51,3% tra mille e 2mila euro e il 22,8% di importo tra 2mila e 3mila euro. Solo il 7,8% ha un importo dai 3mila euro mensili lordi in su.

Dall’analisi dei dati relativi alle singole Casse emerge che il maggior numero di pensioni, il 59,4%, è erogato dalla Cassa Trattamenti Pensionistici dipendenti Statali, seguita dalla Cassa Pensioni Dipendenti Enti Locali con il 37,5%, mentre le altre casse si dividono complessivamente circa il 3% del totale.

Guardando all’area geografica, circa il 38,8% della spesa pensionistica complessiva per i dipendenti pubblici viene erogata nell’Italia settentrionale, contro il 36,3% dell’Italia meridionale comprese le isole e il 24,8% dell’Italia centrale; solo lo 0,1% delle pensioni è erogata all’estero. Il 58,6% del totale dei trattamenti pensionistici, conclude l’Inps, è erogato alle donne, contro il 41,4% erogato agli uomini.

Nel corso del 2015 sono state liquidate complessivamente 121mila pensioni, con un incremento del 20% rispetto all’anno precedente, per un importo complessivo di 3,1 miliardi di euro e importi medi mensili pari a 1.973 euro (in aumento del 5,3% rispetto al 2014).

Le pensioni a carico della Gestione ex Enpals in vigore al primo gennaio 2016, sottolinea ancora l’Inps, sono invece 57mila, di cui il 96,3% a carico della gestione dei lavoratori dello spettacolo e il 3,7% a carico del fondo degli sportivi professionisti, per un importo complessivo annuo pari a 928,3 milioni di euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Zurich, si toglie la vita l’ex ad Martin Senn. E’ il secondo suicidio in 3 anni ai vertici del gruppo assicurativo svizzero

prev
Articolo Successivo

Ttip, Calenda non molla: “Falso che favorisca multinazionali”. Parlamentari possono consultare i documenti riservati

next