Enrico Bondi, ex mister spending review del governo Monti insieme a Giuliano Amato e Francesco Giavazzi, torna in campo come consulente del governo. Il neo ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda, parlando all’Assemblea di Confindustria, ha annunciato di avergli “chiesto di aiutarmi come consulente a titolo gratuito“. L’ex commissario straordinario di Parmalat e dell’Ilva, che nella seconda veste è finito sotto indagine a Taranto per getto pericoloso di cose e gestione non autorizzata dei rifiuti, affiancherà il ministro nella realizzazione di un programma di taglio delle spese di via Veneto.

L’82enne predecessore di Carlo Cottarelli, Roberto Perotti e Yoram Gutgeld, che nel 2012 aveva proposto un piano di razionalizzazione della spesa per acquisti di beni e servizi, dovrà dunque supportare Calenda nel “rottamare” il vecchio Mise. “La mia prima sfida è squisitamente manageriale. Nei prossimi tre mesi mi dedicherò al “turn around’‘ del ministero. Processi, organizzazione e persone occuperanno una parte rilevante del mio tempo. Ci sono nel Mise funzioni che non hanno più ragione di essere mentre molto spesso attività chiave sono prive di risorse“, ha spiegato il ministro.

E ancora: “Ho intenzione di verificare ogni singolo incentivo erogato per capire quali sono stati i risultati raggiunti in termini di soddisfazione dei clienti e di impatto. Il principio di fondo sarà quello di concentrare le risorse sulle iniziative esistenti che funzionano. Per essere efficace una misura deve avere la dimensione adeguata. Per voi è normale farlo nelle vostre aziende. Per il ministero è una rivoluzione”. Entro settembre arriverà un piano strategico e operativo di via Veneto.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Enel, i guai di Starace tra le minacce a chi frena il cambiamento e la start up finanziata grazie all’incubatore del gruppo

prev
Articolo Successivo

Decreto rimborsi, relatori: “I creditori potranno pignorare il conto in banca”

next