Non luogo a procedere per intervenuta prescrizione e assolto. Finisce così il processo, durato quasi 10 anni, contro l’ex deputato Udc Cosimo Mele, che era accusato di avere ceduto cocaina durante una serata in compagnia di due donne in un albergo romano. A deciderlo è stato il giudice monocratico del tribunale di Roma, che ha dichiarato la prescrizione dell’accusa di cessione di droga a due donne e lo ha assolto per un altro episodio di cessione a un uomo.

I fatti risalgono alla notte tra venerdì 27 luglio e sabato 28 luglio 2007. Tutto avvenne in una suite dell’Hotel Flora di via Veneto a Roma, dove Mele si era intrattenuto con due donne, una delle quali, era stata poi stata ricoverata in ospedale per un malore dovuto alla cocaina e all’alcol. Dopo lo scandalo del 2007 Mele era stato eletto sindaco di Carovigno, in provincia di Brindisi, nel 2013, carica a cui rinunciò lo scorso anno non presentando la sua ricandidatura.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Inchiesta petrolio, il ministro Delrio sarà sentito dai pm di Potenza su presunte pressioni per nomina

next
Articolo Successivo

Michele Ferrulli, assolti anche in appello i quattro agenti imputati. La figlia: “Sentenza vergognosa”

next