Dalle fiction nostrane alle serie straniere, dai programmi radio italiani ai film, passando per attori, musicisti e deejay. Ci saranno proprio tutti il prossimo 23 maggio alla prima edizione dei Diversity Media Awards, all’Unicredit Pavillon di Milano. Una serata, voluta e organizzata dall’associazione no-profit Diversity (presieduta da Francesca Vecchioni) per premiare i media (tv, radio, web, cinema, pubblicità, stampa e tg) e i personaggi che nel 2015 hanno rappresentato con simpatia e positività le tematiche e della comunità Lgbt. Alla serata non mancheranno una cena firmata dalla chef stellata Viviana Varese a sostegno dei progetti formativi di Diversity e un live streaming su Diversity e Dplay – il servizio OTT gratuito di Discovery Italia.

Il progetto nasce nell’ambito di una ricerca interdisciplinare, il Diversity Media Report, coordinata da Diversity in collaborazione con otto università italiane: qui 42 ricercatori hanno selezionato 200 tra programmi, produzioni e personaggi dello spettacolo attraverso una analisi qualitativa di prodotti mediali segnalati dalla rete. La parola è poi passata al pubblico, chiamato a eleggere, attraverso una votazione on line, i vincitori di ciascuna delle 8 categorie: durante la serata verranno infatti premiati il miglior film italiano, il miglior programma tv e radio, la miglior campagna pubblicitaria, la miglior serie italiana, la miglior serie straniera, la miglior produzione web e il personaggio dell’anno. Assieme a questi verranno attribuiti anche quattro riconoscimenti speciali: il premio Media Young, assegnato dai ragazzi delle scuole superiori che hanno partecipato all’analisi, e tre premi ai protagonisti dell’informazione (miglior TG, miglior articolo di informazione e miglior articolo di costume).

La serata, condotta da Fabio Canino e Syria, vedrà presenti non solo i nominati ma anche ospiti dal mondo dello spettacolo, della cultura e dello sport. Qualche nome? La cantante Malika Ayane, l’ex calciatore Beppe Baresi, Chef Rubio, i giornalisti Daria Bignardi, Luca Bottura e Luca Sofri, i presentatori Valeria MariniEnzo Miccio, Barbara D’Urso e Costantino della Gherardesca, il politico Vladimir Luxuria e i deejay la Pina, Diego e la Vale. Oltre al presidente dell’associazione Diversity Francesca Vecchioni, che ha dichiarato: “Ogni cambiamento inizia dalla conoscenza e solo con un’informazione corretta è possibile superare pregiudizi e paure verso le diversità. Non a caso il claim della serata è ‘Change is coming out’. Negli ultimi anni qualcosa è cambiato nella trattazione dei temi Lgbt, anche se ancora molto è da fare per raggiungere una visione condivisa che consideri la diversità come valore e risorsa per tutti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Carcere di Bollate, le poesie dei detenuti nella raccolta “Una lastra d’infinito”

prev
Articolo Successivo

Disabili, nessun esemplare in carrozzina si fida delle stazioni

next