Un migliaio di persone ha sfilato a Roma sotto le insegne di Casapound. Il corteo, partito alle 11.00 dal quartier generale di via Napoleone III, è arrivato fino al parco di Colle Oppio. Ma niente riprese e niente domande. Cronisti, fotografi e cameraman sono stati tenuti a debita distanza. “Evidentemente non vogliono parlare con voi”, ha risposto il leader di Casapound Gianluca Iannone alle domande dell’inviata di Tagadà Gioia Salvatori e aggiunge: “Invitateci in tv e verremo a parlare, così scoprirete che da noi si può imparare molto”. Ma niente “fascisti del terzo millennio”, come li definisce qualcuno. “Fascisti può bastare“, precisa Iannone

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum costituzionale, Travaglio: “La Rai renzianizzata non darà spazio al No”

next
Articolo Successivo

Ala a Napoli. Il Verdini pensiero tra figli dei boss in lista, Cosentino e “la mamma della Capacchione”

next