Il futuro delle fonti rinnovabili passa anche da tecnologie sempre meno impattanti, flessibili e riciclabili in grado di trasformare in elettricità nuove fonti di energia pulita.

Produrre energia elettrica dalle correnti d’aria provenienti dalle pareti delle abitazioni, dai tetti, dai tunnel, dalle correnti marine? È questa l’idea alla base di Piezoskin: una nuova tecnologia che promette una rivoluzione nelle energie rinnovabili, permettendone l’applicazione in ambiti e ambienti finora non idonei per le tecnologie tradizionali.

4400 kWh annui ad un costo stimato di 10000 euro, queste le prestazioni della nuova “pelle” piezoelettrica. Flessibile, senza emissioni e riciclabile. Per attivarla è sufficiente un “soffio di vento” di 0.1 m/s, oltre 10 volte meno intenso di quanto necessario nelle turbine eoliche.

La nuova invenzione, frutto di nanotecnologie avanzate, verrà portata sul mercato attraverso la start-up Piezoskin, guidata da Francesco Guido, ricercatore del gruppo coordinato dal Prof. Massimo De Vittorio.

Ai nostri microfoni Massimo De Vittorio – Direttore del Centro per le Nanotecnologie Biomolecolari IIT di Lecce

di Matteo Ponzano

Ascolta il podcast 

Video di Piezoskin

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Battleborn, venticinque eroi si affrontano in un FPS fuori di testa

prev
Articolo Successivo

Twitter, rivoluzione in vista: foto e video esclusi dal limite dei 140 caratteri

next