Paola Taverna, senatrice del Movimento Cinque Stelle, ai microfoni di Radio Cusano Campus nel programma ECG Regione, ha detto la sua sulla decisione di votare solamente domenica cinque giugno: “Io credo che l’annuncio di proporre la votazione in due giorni con la campagna elettorale già nel suo pieno fosse semplicemente un annuncio che servirà probabilmente a riproporre la stessa cosa in occasione del referendum”. “Ormai non era fattibile in piena campagna elettorale allungare la data dell’elezione, però – continua – si è cominciata ad inserire la pulce nell’orecchio in vista del referendum, visto che in Italia si fanno le leggi in base a quello che fa comodo e non a quello che serve. Io ormai non li sento neanche più per quello che raccontano”. Poi ha commentato il caso Nogarin-Pizzarotti: “Continuo a sentire programmi dove si cerca in tutte le maniere di mistificare quanto accaduto. La vicenda Nogarin tutti la conoscono perché è stato il sindaco a portare i libri in tribunale e a denunciare una situazione disastrosa. Poi è arrivato un avviso di garanzia, il Movimento ha detto verifichiamo di cosa si tratta e poi se ci fossero comportamenti difformi alla legge o al nostro codice etici lo stesso Nogarin ha detto che si dimetterà. Pizzarotti, invece, ha avuto un avviso di garanzia a febbraio, non ce l’ha mai comunicato, l’abbiamo scoperto a 15 giorni dalle elezioni dagli organi di stampa grazie a una denuncia di un esponente del Pd, non abbiamo accesso agli atti, veniamo sbeffeggiati dal sindaco che dimentica che la e-mail che oggi trova anonima è la stessa alla quale lui ha inviato i suoi dati per la propria candidatura e dalla quale riceviamo informazioni ufficiali da parte del Movimento. Quella è la e-mail ufficiale cui abbiamo inviato tutta la nostra documentazione quando abbiamo inoltrato le presentazioni di candidatura, è riconosciuta da tutto il movimento come una e-mail istituzionale. Beppe a fronte della situazione lo ha sospeso, non espulso, perché non è in grado di garantire al Movimento la giusta trasparenza se il sindaco si comporta così. Qual è lo scandalo? Per questa cosa si è già dimenticato Banca Etruria, il sindaco di Lodi, e tutto il resto? Gli italiani hanno la memoria di un pesce rosso. Basta che a due giorni dalle elezioni gli mettono la notiziola che questo regalerà qualcosa, magari il bonus bebe o il bonus carrozzella e siamo tutti pronti a credergli”

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Red Ronnie, la difesa di Porro: ‘Vaccinazioni? Io sono per l’obbligatorietà. Pretesto per attaccare ‘Virus”

next
Articolo Successivo

Esposito (Pd) di nuovo contro Fedez: ‘Al Giro d’Italia canti, non faccia comizi. E’ avvisato’

next