Manifestazione nella città in provincia di Ragusa che ospita il centro per immigrati, una struttura che, come documentato da ilfattoquotidiano.it, si è trasformata in un luogo di detenzione per minori non accompagnati. Il corteo pacifico, ultimo evento in programma del festival Sabir, ha sfilato per le strade di Pozzallo prima di raggiungere l’hotspot nell’estrema periferia ovest del paese. Davanti ai recinti, di fronte ai giovani immigrati, i manifestanti hanno formato una catena umana che ha cinto simbolicamente d’assedio il luogo al grido di “no ai muri, sì all’accoglienza”. “L’hotspot di Pozzallo è il sintomo più evidente che il sistema di accoglienza italiano è sbagliato”, fa notare il parlamentare di Sinistra italiana Erasmo Palazzotto. “Bisognerebbe ricordare l’emigrazione italiana del passato per capire le storture delle politiche in materia di immigrazione”, sostiene il sociologo Enrico Pugliese. “Siamo una voce che si leva contro il razzismo che dilaga in Italia”, conclude Filippo Miraglia, vicepresidente di Arci  di Lorenzo Galeazzi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ravenna, stupra e poi filma vittima. Minorenne romeno fermato. Salvini: “Castrazione chimica”

prev
Articolo Successivo

Napoli, spari contro un locale a Giugliano. Grave una donna. Nina Moric cenava lì con Lele Mora

next