Peculato. Con questa accusa la Procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio di 4 ex dirigenti dell’Atac, sospettati di essersi appropriati di circa 2 milioni di euro della municipalizzata dei trasporti, attraverso la stipula di fittizi contratti di consulenza. Si tratta di fatti illeciti che sarebbero stati compiuti tra il 2007 e il 2010. Tra i manager coinvolti Gioacchino Gabbuti, amministratore delegato di Atac spa dal 2005 al 2009 e di Atac Patrimonio srl fino al 2013.

Gli altri dirigenti coinvolti sono Antonio Cassano, direttore operativo e direttore generale di Atac spa dal 2005 fino al 2012; Mauro Anselmi, membro del collegio sindacale di Atac Patrimonio srl.

La somma oggetto del presunto peculato sarebbe stata distratta dall’azienda attraverso la stipula di fittizi contratti di consulenza (ufficialmente per la valutazione del personale) con società intestate a prestanome. Dagli accertamenti dei magistrati il denaro sarebbe stato trasferito all’estero su conti correnti riconducibili, appunto, ad ex manager di Atac.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Corruzione, “un milione spetta a me”. Arrestato dirigente dell’Agenzia delle Entrate di Pescara

next
Articolo Successivo

Parma, striscioni di CasaPound davanti alle scuole: “La Resistenza è una cagata pazzesca”. Pizzarotti: “Vigliacchi”

next