Due condanne milionarie in tre mesi. Il gigante farmaceutico americano Johnson&Johnson è stato costretto dal Tribunale di St.Louis (Missouri) a un maxi-risarcimento di 55 milioni di dollari a una 62enne del South Dakota, Gloria Ristesund. La donna sostiene di aver sviluppato un tumore alle ovaie dopo aver usato, per anni, prodotti a base di talco della multinazionale.

Già a febbraio, la stessa corte aveva emesso un verdetto sfavorevole per J&J obbligandola a sborsare 72 milioni di dollari a una donna dell’Alabama, deceduta in seguito – anche in questo caso – a un tumore ovarico. Anche Jackie Fox per 35 anni aveva utilizzato borotalco Baby Powder per l’igiene intima. I suoi avvocati hanno sostenuto che il gruppo sapeva dei rischi di cancro legati al prodotto e ha omesso di informare i consumatori, come sarebbe emerso anche da alcuni memo interni dell’azienda presentati durante il processo.

Per entrambe le condanne, Johnson&Johnson ha già annunciato di voler ricorrere. Ma i problemi non sarebbero finiti, perché l’azienda deve affrontare altre 1200 cause pendenti che vertono sulla sospetta cancerogenicità di uno dei suoi prodotti simbolo, il talco per bambini. E queste condanne, specie se dovessero essere confermate in appello e dovessero quindi acquisire quella forza necessaria per costituire precedenti vincolanti, potrebbero senz’altro incentivare la presentazione di ricorsi da parte dei consumatori.

Dalla sua, Johnson&Johnson ha precisato che le sentenze contraddirebbero decenni di ricerche che hanno dimostrato – secondo la multinazionale – la sicurezza del talco. L’azienda ricorda pure come i Centers for Disease Control and Prevention non abbiano identificato la sostanza come un fattore di rischio per il tumore alle ovaie.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Libia, l’esercito di Haftar attacca Sirte. Al Sarraj aveva chiesto lo stop all’offensiva

prev
Articolo Successivo

Usa, Bush padre e figlio scaricano Trump. E i Rolling Stones: “Non usi più le nostre canzoni per la campagna”

next