“Vedendo le immagini dei bambini martoriati volevo andare in Siria ad aiutare e non arruolarmi nell’esercito dell’Isis“, ha detto agli inquirenti Abderrahim Moutaharrik, il kickboxer ventottenne di origini marocchine fra gli arrestati della scorsa settimana per sospetti legami con l’Isis. È stato interrogato questa mattina dal giudice per le indagini preliminari Manuela Cannavale. Come riferito dal suo legale, Moutahrrik si è difeso, assieme alla moglie Salma Bencharki, anche lei in carcere, spiegando che non avrebbe organizzato un attentato in Italia, dove vive da 16 anni.

Sentiti negli interrogatori di garanzia, nel carcere di San Vittore, anche gli altri arrestati a seguito del blitz antiterrorismo che ha fatto emergere progetti di attentati a Roma da parte di presunti miliziani dell’Isis: Abderrahmane Khachia (anche lui difeso d’ufficio dall’avvocato Pesce), marocchino di Varese e fratello di Oussama, foreign fighter morto in Siria; e Wafa Koraichi, sorella di Mohamed partito l’anno scorso per la Siria con la moglie Alice Brignoli e i tre figli per andare a combattere, al confine fra Iraq e Siria, a fianco del sedicente Stato Islamico.

Fra le intercettazioni che hanno portato agli arresti della settimana scorsa si sente Moutaharrik comunicare a un altro degli arrestati di voler “picchiare (inteso come colpire e far esplodere, ndr) Israele a Roma”. Fra le conversazioni ascoltate, in particolare, il pugile fa riferimento a un suo disegno per compiere un attentato all’ambasciata di Israele. “Quello che sta per accadere sarà peggio di Parigi ed è solo l’inizio. Non hanno ancora visto niente”, minacciava il kickboxer.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sanità, infermieri sotto accusa per la gara degli aghi contrattaccano: “Primario ha riferito il falso per colpirci”

prev
Articolo Successivo

Bozzoli, il nipote condannato a 5 mesi per minacce. Disse a un imprenditore: “O ci paghi o ti sparo”

next