Non corruzione, ma traffico di influenze illecite. Ma alla fine, in uno dei processi sul Mose, Marco Milanese, ex consigliere politico dell’allora ministro dell’Economia Giulio Tremonti e ex deputato del Pdl, è stato condannato in primo grado. La pena decisa dal tribunale è di due anni e mezzo di reclusione. Il pm Roberto Pellicano aveva chiesto ai giudici di condannare l’ex berlusconiano a 3 anni e mezzo. L’ex deputato, presente in aula, non ha voluto commentare la sentenza.

Il processo, andato a sentenza oggi, ha al centro il filone di indagine, trasmesso per competenza territoriale da Venezia a Milano, nel quale erano coimputati il generale in pensione della Guardia di Finanza Emilio Spaziante e l’ex ad di Palladio Finanziaria Marco Meneguzzo. I due a novembre 2014 avevano rispettivamente patteggiato 4 anni e una confisca di 500mila euro e due anni e mezzo di reclusione per concorso in corruzione. Spaziante, ritenuto responsabile anche di un secondo episodio di corruzione, si era visto anche confiscare beni mobili e immobili per un valore di circa 4 milioni.

Secondo l’accusa, infatti, Milanese avrebbe ricevuto negli uffici di Milano di Palladio Finanziaria da Meneguzzo, presunto intermediario, 500mila euro da parte di Giovanni Mazzacurati, all’epoca presidente del Cvn, in cambio del suo intervento per introdurre, quando Tremonti era ministro dell’Economia, “una norma ad hoc per salvare il finanziamento di 400 milioni” per il Mose e che altrimenti il Cipe avrebbe destinato ad altre opere al Sud.

La quarta sezione penale del tribunale di Milano, presieduta da Oscar Magi, ha condannato Milanese anche a risarcire in separata sede i danni al Consorzio Venezia Nuova e al ministero dell’Economia, le due parti civili alle quali dovrà versare una provvisionale di 100mila euro ciascuno. Il reato era stato “rivalutato” dopo una pronuncia della Cassazione del novembre di due anni fa, quando la Suprema Corte aveva riqualificato il reato e disposto la scarcerazione dell’ex braccio destro di Tremonti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mario Mantovani, torna libero ex vicepresidente lombardo. “Termine sforato”. Potrà tornare in Consiglio

prev
Articolo Successivo

Appalti Rai, perquisizioni a casa di 3 direttori della fotografia. I pm chiedono misure per i funzionari di viale Mazzini

next