Il 17 aprile si vota per il referendum “sulle trivelle”. Il quesito semplificato può essere così formulato

“Volete che, quando scadranno le concessioni, siano fermati i giacimenti in attività nelle acque territoriali italiane già in atto entro le 12 miglia dalla costa, anche se c’è ancora gas o petrolio?”.

trivelle 675

Dunque la vittoria del sì bloccherà tutte le concessioni per estrarre il petrolio entro le 12 miglia dalla costa italiana, ma solo quando scadranno i contratti. Non è, come alcuni sostengono, un referendum sui rischi ambientali, sull’approvvigionamento energetico (anche se certamente è auspicabile che si investa con più decisione nelle energie alternative), sulla distruzione di posti di lavoro, sull’ipocrisia di un paese che lascia il rischio ambientale a quelli più deboli, ecc. Al contrario, il 17 aprile si vota per chiudere gli impianti alla scadenza delle concessioni com’è normale che avvenga. Infatti, prolungare per legge un contratto tra pubblico e privato è un favore immotivato (alle società petrolifere) poiché si crea un monopolio senza scadenza, falsando il mercato, e perché sarà il concessionario a decidere di fatto quando finirà la “vita utile” del giacimento.

Si vota cioè sul fatto se dare o no concessioni illimitate di beni che appartengono a tutti che apre questa possibilità: se i titolari delle concessioni ogni anno e da ogni giacimento estraggono una quantità di gas (da loro auto-certificato) pari o inferiore ad una certa soglia (franchigia) non versano neppure un euro (royalty) allo Stato: perciò più durano le concessioni e meno interesse hanno a superare la franchigia.

Poiché si tratta di beni comuni, che appartengono a tutti i cittadini di oggi e, soprattutto di domani, il quesito referendario è puramente politico e niente affatto tecnico. (Ci saremmo aspettati di vedere in prima linea i supporters del libero mercato che sono sempre assenti al momento giusto; per la gran parte della stampa, purtroppo anche quella scientifica, ci abbiamo fatto il callo). Proprio perché riguarda lo stato, tutti noi, è importante votare, ed è importante votare sì.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Firenze da mangiare

prev
Articolo Successivo

Referendum, il futuro degli idrocarburi in Italia. Con e senza trivelle

next