“Io ho sempre dei dubbi su questi tipi di scoop, perché non sappiamo chi li ha fatti o perché ci sono quei nomi o altri. A me queste cose non piacciono, il giornalismo d’inchiesta per me è una cosa un po’ diversa”. Il giornalista e direttore de ‘Il Dubbio‘ (giornale che ha come editore la  Fondazione del Consiglio nazionale forense) Piero Sansonetti, ospite ad ‘Omnibus week end‘ (La7) liquida con poche sprezzanti battute l’inchiesta giornalistica sul mondo dei paradisi fiscali ‘Panama Papers’ riguardante lo studio legale Mossack Fonseca di Panama city, una delle più grandi “fabbriche” al mondo di società offshore. Inchiesta che ha fatto già cadere un premier (quello islandese) e che sta creando non pochi problemi ad un altro primo ministro, l’inglese Cameron. “A me non mi è mai piaciuto nemmeno il Watergate – afferma l’ex direttore de Il Garantista -, figurati quale grande inchiesta giornalistica, è stata l’Fbi che ha dato le carte a due giornalisti”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Inchiesta petrolio, Delrio: “Non mi devo vergognare di nulla”. Scanzi: “Faide nel governo allucinanti”

next
Articolo Successivo

Intercettazioni, Davigo: “Renzi ha ragione, potremmo obbligare al segreto anche dopo il deposito”

next