Come da attese, l’ex membro del consiglio direttivo della Bce e attuale presidente di Société Génerale Lorenzo Bini Smaghi è stato eletto presidente della Bcc ChiantiBanca. Lo ho scelto l’assemblea dei soci che domenica ha rinnovato il consiglio di amministrazione e approvato il bilancio 2015, chiuso con un utile di oltre 7 milioni. “Mi sento onorato per la fiducia accordatami dai soci di ChiantiBanca – ha detto l’economista, che negli anni Ottanta ha lavorato nel Servizio studi di Bankitalia e dal 1998 al 2005 è stato a capo della Direzione rapporti finanziari internazionali del Tesoro. – Una realtà alla quale da sempre la mia famiglia è vicina e che rappresenta un valore per il territorio”.

I soci hanno anche approvato la fusione per incorporazione di Bcc Pistoia e Bcc Area Pratese, mossa con cui ChiantiBanca diventa la terza Bcc italiana. L’istituto a valle delle fusioni conta 24.700 soci e un patrimonio di oltre 310 milioni costituito per oltre l’80% da riserve indivisibili. Se lo vorrà, potrà quindi sottrarsi all’obbligo di finire sotto una holding unica previsto dalla riforma del credito cooperativo, a patto di versare allo Stato il 20% del patrimonio netto. Il decreto banche prevede infatti che possano sfruttare la cosiddetta “way out” gli istituti con patrimonio superiore a 200 milioni. “Valuteremo le conseguenze della riforma e decideremo nell’interesse di soci, territorio e clienti”, ha commentato Bini Smaghi.

Del nuovo cda, oltre a Bini Smaghi, fanno parte Claudio Corsi (vicepresidente vicario), Stefano Mecocci (vicepresidente), Mauro Fusi, Aldemaro Becattini, Leonardo Viciani, Niccolò Calamai, Alberto Marini e Massimo Brogi. Le nomine saranno confermate lunedì mattina. Rinnovati anche collegio sindacale e collegio dei probiviri. Nel prossimo luglio, con il perfezionamento dell’operazione di incorporazione, il cda di ChiantiBanca sarà integrato da due consiglieri espressione dei soci di Banca di Pistoia e di due consiglieri espressione dei soci di Banca Area Pratese.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Panama Papers, “nome Croce Rossa usato per nascondere denaro sporco”. Vigilanza svizzera avverte banche: “Agiremo”

prev
Articolo Successivo

Corriere, Rcs vola in Borsa dopo offerta di Cairo. In attesa della contromossa degli altri soci

next