Trecento milioni di euro: è la cifra che i vertici di Banca Etruria devono recuperare e versare entro il 16 aprile altrimenti si vedranno pignorati beni personali fino al raggiungimento della somma. Lo ha deciso il commissario liquidatore della vecchia Popolare, Giuseppe Santoni, che il 17 marzo scorso ha inviato una lettera ai 37 ex amministratori, Pier Luigi Boschi compreso, spiegando loro che sono ritenuti responsabili del disastro finanziario dell’istituto di credito e invitandoli quindi a rifondere i danni. Poche righe, meno di due pagine, vergate da Santoni con toni che non lasciano molto spazio a interpretazioni.

Santoni “formula richiesta di ristoro dei danni arrecati alla Bpel (Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio), nonché ai creditori sociali, a causa delle condotte illecite e di mala gestio”, scrive il commissario liquidatore, “come accertate dalla autorità di vigilanza, Banca d’Italia, nonché confermate e ulteriormente accertate all’esito delle verifiche degli organi della liquidazione coatta amministrativa e prima dell’amministrazione straordinaria”.

La richiesta di danni è contestualmente rivolta ai membri dei consigli di amministrazione, dei comitati esecutivi, dei collegi sindacali, nonché ai direttori generali, “in quanto responsabili in solido”, scrive Santoni. In particolare, i destinatari “risultano aver concorso in modo commissivo e/o omissivo nelle gravi irregolarità di gestione della Bpel relative, inter alia e salvo ogni ulteriore approfondimento, all’erogazione e successiva gestione di mutui e finanziamenti anche in conflitto di interessi; al depauperamento del patrimonio sociale mediante numerose altre iniziative contrarie alla prudente gestione (in via esemplificativa e non esaustiva: conferimenti di incarichi consulenziali, rilevanti premi aziendali non dovuti e ulteriori operazioni non trasparenti)”. Ancora, contesta Santoni, irregolarità connesse “alle iniziative di indebito e illecito ostacolo alla vigilanza della Banca d’Italia”. Da tali condotte è derivato un danno complessivo “pari almeno a 300 milioni di euro, salvo ogni miglior calcolo”. Quindi, conclude, “in mancanza di corresponsione del suddetto risarcimento entro e non oltre il termine di 30 giorni dal ricevimento della presente, la liquidazione si vedrà costretta a intraprendere le necessarie azioni legali, ivi comprese le azioni revocatorie”.

Tra i destinatari della lettera figurano anche due ex amministratori nel frattempo deceduti: ne risponderanno quindi gli eredi diretti. Tra i destinatari figurano tutti i componenti degli ultimi due cda e i direttori generali. Quindi Pier Luigi Boschi, Alfredo Berni, Luca Bronchi, Giuseppe Fornasari, Luciano Nataloni, Lorenzo Rosi e gli altri già indagati per la bancarotta fraudolenta della vecchia Etruria.

L’iniziativa di Santoni prende avvio dalla dichiarazione di insolvenza da parte del Tribunale fallimentare di Arezzo dello scorso 11 febbraio. Il commissario liquidatore attribuisce chiaramente ai vecchi amministratori la responsabilità dell’erosione del patrimonio e di aver agito con “condotte illecite” e “di mala gestio”.

Da Il Fatto Quotidiano del 23/03/2016

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fondo Clessidra, non c’è accordo sul prezzo. Trapani abbandona il tavolo. E il cambio di governance già avviato

prev
Articolo Successivo

Banche, ultimatum Ue: “Vendere Etruria, Marche, Cariferrara e Carichieti entro aprile. Se si va oltre stop alle attività”

next