Donald J. Trump per i repubblicani. Hillary Clinton per i democratici. E’ questo l’esito del Super Tuesday 2016, un giorno che rimarrà negli annali della politica americana come un punto di probabile non-ritorno per i repubblicani, travolti dal ciclone Trump. Il magnate newyorkese si aggiudica otto degli Stati in palio e si appresta a diventare il candidato su cui il partito si raccoglierà, o più probabilmente si dividerà, alla Convention di Cleveland del prossimo luglio. Per i democratici, Hillary Clinton ottiene vittorie convincenti negli Stati del Sud, dove più forte è la componente afro-americana e ispanica. Ma la candidata non riesce ancora a penetrare nelle roccaforti bianche e progressiste di Bernie Sanders, che si aggiudica Minnesota, Colorado, Oklahoma e Vermont.

Clinton avrebbe portato a casa la notte scorsa almeno 334 delegati contro 145 del senatore del Vermont. Per vincere la nomination democratica sono necessari 2383 delegati, ma bisogna ricordare che vi sono anche i cosiddetti super delegati, che non vengono eletti, e tra questi Clinton ha già la schiacciante maggioranza di 882 a 232. Al Super Tuesday si decide il più alto numero di delegati assegnati nella corsa, con il Texas a fare la parte del leone: 595 per i repubblicani, quasi la metà dei 1.237 necessari per la nomination, 865 per i democratici, più di un terzo del numero magico richiesto per diventare ‘il candidato’ (2.383).

Donald Trump, il candidato inevitabile – A meno che non succeda qualcosa di imprevedibile e catastrofico, Donald J. Trump è il candidato destinato a raccogliere più delegati alle primarie repubblicane. E’ questo il verdetto che il Super Tuesday 2016 conferma e che lo stesso Trump ha evidenziato, all’arrivo dei primi risultati: “E’ una notte incredibile”, ha detto. L’ampiezza della vittoria di Trump – che conquista il Massachusetts e l’Alabama, la Virginia e il Tennessee – mostra che il milionario newyorkese è un candidato senza limiti di geografia e ideologia. Trump vince negli Stati del Nord-est e in quelli del Sud, nel Midwest e nell’Ovest. Conquista aree moderate, come il Massachusetts e il Vermont; e altre estremamente conservatrici come la Georgia e l’Alabama. E’ vero che Texas e Oklahoma gli sono sfuggiti. Ma nessun candidato repubblicano, almeno a partire dal 1960, ha vinto quello che ha vinto Trump in queste settimane: Alabama, Georgia, Massachusetts, Tennessee, New Hampshire, Nevada, Virginia, South Carolina.

La vittoria di Trump lascia il partito repubblicano attonito, diviso, senza una vera strategia. A nulla è servito l’allarme della dirigenza sulla “eleggibilità” di Trump alle elezioni di novembre. A nulla sono serviti gli attacchi che, ancora negli ultimi giorni, l’establishment ha lanciato contro Trump: preso di mira per non essersi distanziato a sufficienza dal leader del Ku Klux Klan, David Duke; o per aver dato un’intervista off the record al New York Times, in cui esprimeva posizioni molto più moderate, rispetto a quelle pubbliche, sull’immigrazione e sul muro da innalzare al confine messicano.

A nulla, appunto, sono valse le accuse di essere doppio, razzista, instabile, inaffidabile. Come a nulla, mesi fa, erano servite le accuse di essere un clown e una macchietta politica. Trump ha superato ogni tipo di critica, polemica, attacco. Si è scrollato di dosso, spesso solo con una battuta, una smorfia, tutto quello che l’establishment repubblicano ha detto su e contro di lui, e marcia tranquillo verso la nomination.

Gli scenari possibili ora sono due. Trump conquista i 1237 delegati necessari ad incoronarlo alla convention di Cleveland, il prossimo luglio. O conquista un’ampia fetta di delegati, ma non tutti i 1237, e si va allora a una “open convention”, a uno scontro violento e senza esclusione di colpi in cui l’establishment del partito cerca di sottrargli la vittoria. Sarebbe l’opzione più distruttiva, quella più temuta e, fino a qualche mese fa, inconcepibile, per il partito repubblicano.

Cruz, Rubio e il crollo dell’establishment repubblicano – Il Super Tuesday offre qualche altra considerazione in merito alla battaglia interna al G.O.P. Anzitutto, Marco Rubio esce pesantemente sconfitto. Riesce a vincere soltanto in Minnesota, perde la Virginia, che sembrava alla sua portata. Poco, troppo poco per il candidato su cui i big di Washington puntavano come alternativa a Donald Trump. E’ vero che i supporters del senatore della Florida indicano proprio la Florida, che voterà il 15 marzo, come l’inizio della riscossa per Rubio. Ma i numeri sono numeri e Rubio, sinora, ha conosciuto più cadute che successi. Dopo l’arrivo dei risultati del Super Tuesday, Rubio ha detto che “tra due settimane, proprio in Florida, manderemo un messaggio forte e chiaro. Il messaggio che il partito di Lincoln e Reagan non sarà mai guidato dal genio della truffa”. Oltre la retorica, nessuno sembra però più credergli. La scelta conservatrice e “presentabile” del partito, il candidato ufficiale dell’establishment, è destinato con ogni probabilità a una rapida uscita di scena.

Il Super Tuesday si è invece rivelato un’ottima serata per Ted Cruz. Cruz ha conquistato il “suo” Texas e l’Oklahoma. Le prossime tappe – da qui al 15 marzo – gli sono favorevoli. Il senatore potrebbe mettere a segno importanti vittorie in Stati conservatori come la Louisiana e il Kansas. E’ vero che, a una prima analisi del voto, Cruz non riesce a conquistare fette maggioritarie di elettorato evangelico. Ma è anche vero che a questo punto Cruz appare come l’unica, anche se debole, alternativa a Trump. Come lui stesso ha detto, martedì notte: “La nostra è l’unica campagna che ha battuto, e può battere, Donald Trump”. Si tratta, ovviamente, di un avvertimento al suo stesso partito: se non vi raccogliete dietro di me, è finita.

Il tema Cruz porta diritti a quello della caduta dell’establishment repubblicano. C’era soprattutto un’ipotesi che, agli inizi di queste primarie, appariva urticante per i big del partito: una sfida Trump-Cruz. E’ quello che sta avvenendo. Se infatti Trump è considerato un candidato profondamente estraneo alle tradizioni politiche repubblicane, Cruz è forse il politico repubblicano più odiato dalla macchina del partito di Washington. La sua continua retorica anti-élites, l’attitudine a non seguire la disciplina di partito gli hanno conquistato la diffidenza e l’ostilità di molti.
Nell’assistere a un duello Trump-Cruz, quindi, l’establishment repubblicano rimira quindi il proprio fallimento e il disastro di politiche che per anni hanno nutrito la rabbia, il populismo, l’estremismo della base. Il partito di Lincoln e Reagan è, per l’appunto, giunto a un punto cruciale della sua storia. A Cleveland, a luglio, al momento di scegliere il candidato ufficiale, ci si potrebbe trovare di fronte a una drammatica spaccatura.

Hillary Clinton. Avanti (ma non troppo) – E’ stata una buona serata, quella del Super Tuesday, per Hillary Clinton. L’ex segretario di stato conquista una serie di Stati importanti, ricchi di delegati; soprattutto la Georgia e il Texas. Significativo anche il margine con cui la Clinton riesce a vincere. Oltre 60 punti in Alabama, 40 punti in Arkansas, 35 punti in Tennessee. Come già la scorsa settimana in South Carolina, la Clinton domina nel voto degli afro-americani. In Georgia e Virginia, per esempio, conquista l’80 per cento del voto nero. Buona anche la vittoria, ma molto più di misura, in Massachusetts. A questo punto, dopo le prove positive in Nevada e in South Carolina, il percorso della Clinton verso la nomination appare a buon punto.

Ma non ancora del tutto completato. Il Super Tuesday mostra infatti anche i limiti della candidata, che non riesce a imporsi nelle roccaforti liberal, quelle del voto più progressista, urbano, giovane: il Colorado e il Minnesota anzitutto, ma anche l’Oklahoma e il Vermont. La Clinton, è il verdetto del Super Tuesday, è la candidata delle minoranze, di ampie fette del voto democratico più tradizionale, irreggimentato dalla macchina del partito e del sindacato. Ma continua a non esaltare settori importanti del mondo progressista, che furono centrali alla vittoria di Barack Obama nel 2008 e nel 2012: i giovani anzitutto, ma anche gli indipendenti e la borghesia più moderna e dinamica dei centri urbani. Nel discorso ai suoi sostenitori, martedì sera, la Clinton ha ancora una volta cercato di rilanciare l’idea della “inevitabilità” della sua candidatura. Si è rivolta direttamente a Trump, spiegando che “i giorni migliori per l’America devono ancora venire, e che dobbiamo abbattere i muri, non innalzarli”. Nonostante l’ormai aperta retorica da candidata ufficiale, il team Clinton sa perfettamente una cosa: che per vincere, a novembre, bisogna trovare un accordo, un compromesso, un percorso comune e condiviso con Bernie Sanders e con le forze che stanno dietro alla sua campagna.

Bernie Sanders, la forza delle idee, la debolezza nei delegati – Il Super Tuesday conferma tutte le debolezze, ma anche la forza, del senatore del Vermont. Sanders non riesce a superare i limiti, geografici e ideologici, della coalizione che lo sostiene. Resta un candidato prevalentemente del Nord-est, dell’America bianca e progressista. Nel suo discorso martedì notte, a Essex Junction, Vermont, il senatore ha annunciato di “voler restare in corsa sino a quando l’ultimo degli Stati non avrà votato”. “Usciamo da questa notte elettorale con un solido numero di delegati e ancora molto tempo davanti a noi”, ha spiegato Charles Chamberlain, executive director di “Democracy for America”, un gruppo progressista che appoggia Sanders. In realtà, non è così. Sanders non ha né delegati sufficienti, né molto tempo davanti a lui. Deve decidere, e presto, cosa fare della forza delle idee e dell’energia politica che la sua campagna ha suscitato. Deve decidere se, e come, portarla, e farla contare, nel partito democratico dei prossimi anni.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Libia, Italia a guida della missione: “A Roma il centro di coordinamento”. Wsj: “Pianificazione in stato molto avanzato”

next
Articolo Successivo

Primarie Usa, Trump come Berlusconi?

next