I dati diffusi oggi dall’Istat certificano che il governo ha mantenuto gli impegni di finanza pubblica e che la crescita c’è“. Così il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan nel corso della presentazione dei risultati dell’attività dell’Agenzia delle Entrate nel 2015. “I dati Istat ci dicono che il Pil è cresciuto dello 0,8% – ha sottolineato – un dato molto vicino alla previsione che da tempo era stata formulata dal governo. Ci dicono che l’indebitamento netto è del 2,6% del Pil, esattamente l’impegno previsto. Che il debito si è praticamente stabilizzato, premessa fondamentale perché nel 2016 possa iniziare a scendere”. Padoan poi conclude: “I dati sull’occupazione sono estremamente incoraggianti. Traggo la conclusione che la strategia del governo deve andare avanti lungo le linee che sono state prese”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tassa di soggiorno anche per Airbnb. Così i Comuni danno la caccia ai furbetti

next
Articolo Successivo

Espropri facili, Zanetti: “Favori a banche? Critiche che non stanno né in cielo né in terra”

next