Due persone sono state arrestate nell’ambito delle indagini sulla morte di Ilaria Boemi, la sedicenne morta lo scorso 10 agosto a Messina dopo aver ingerito una dose di Mdma. Si tratta di un uomo di 31 anni e uno di 40, entrambi legati alla morte della ragazza: secondo la ricostruzione degli investigatori a vendere la droga a Ilaria sarebbe stato il trentunenne messinese, noto spacciatore, mentre l’altro è ritenuto responsabile di violenza sessuale e cessione di sostanze stupefacenti a minori: l’uomo avrebbe costretto alcune amiche di Ilaria a rapporti non consenzienti dopo aver fatto assumere loro sostanze stupefacenti.

Le indagini, che vanno avanti dalla sera della morte della sedicenne, negli ultimi mesi hanno ricostruito le dinamiche e i contorni dell’episodio, scoprendo un giro di cessione di stupefacenti. A dicembre dello scorso anno tre ragazze sono state arrestate, due minorenni e una maggiorenne, coinvolte nel giro che ha portato la droga nelle mani di Ilaria. Secondo la ricostruzione degli agenti, Ilaria aveva passato la serata precedente la morte insieme a una delle minorenni arrestate, che ha assistito all’invio del messaggio da parte della sedicenne per acquistare la “Maddy” (Mdma). Il giorno dopo Ilaria ha ritirato la droga nel villaggio di S. Agata: insieme con una sedicenne e un uomo di 39 anni l’hanno poi sbriciolata e sciolta in alcune birre. E’ in quel momento che Ilaria si sente male e per riprendersi cammina con i due fino alla spiaggia del “Ringo”. Qui il trentanovenne prova ad avere dei rapporti sessuali con entrambe le ragazze, per poi rivolgere le sue attenzione a un’altra giovane, con la quale inizia a scambiare effusioni mentre Ilaria è in preda alle convulsioni.

Quando i due si sono accorti dello stato della ragazza si sono allontanati senza avvisare il 118. Prima di scappare l’uomo ha gettato il cellulare di Ilaria in mare in modo da eliminare possibili indizi di un collegamento con la vittima. E’ stato un vigilantes ad accorgersi della presenza della ragazza e a chiamare i soccorsi. Ilaria però era già morta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Statale di Milano, collettivo di sinistra: “Aggrediti da fascisti”. Corteo in Duomo: “Fuori i picchiatori dalle università”

next
Articolo Successivo

Roma, rapina con sparatoria in ufficio postale. Banditi in fuga

next