Si assottiglia lo shopping di Mondadori nei marchi di libri della Rcs. Per avere il via libera dell’Antitrust all’acquisto di Rcs Libri, riferisce Reuters citando fonti del garante della concorrenza, Segrate ha dovuto presentare degli impegni che prevedono la cessione di Bompiani e Marsilio, case editrici che rientravano nel pacchetto acquisito dal gruppo della famiglia Berlusconi per 127,5 milioni. La scelta che Mondadori ha dovuto suo malgrado presentare potrebbe sbloccare l’iter autorizzativo dell’operazione che accolla a Segrate tutti i rischi Antitrust. L’istruttoria dovrebbe chiudersi a metà di questa settimana quando è prevista l’audizione finale. Poi la palla passerà al collegio che deve prendere autonomamente la propria decisione. Su questa deve esprimersi con un parere anche l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni. Attualmente, dopo le dimissioni del commissario Salvatore Rebecchini, il collegio è composto dal presidente Giovanni Pitruzzella e da Gabriella Muscolo. In caso di pareggio il voto del presidente vale doppio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ue, le proposte di Renzi e Padoan: “Crescita e lavoro contro populismi. Eurobond per migranti e investimenti”

prev
Articolo Successivo

Armamenti Usa, Finmeccanica rientra in gara per la fornitura miliardaria al Pentagono

next