Le misure esterne ne fanno una sorta di cubo: 2,695 metri di lunghezza (la stessa della smart), 2,05 di altezza e 1,98 di larghezza (retrovisori esclusi). Le proporzioni non ne fanno una “bellissima”, questo è certo, anche se esteticamente Mirrow Provocator risulta più accattivante di alcuni modelli venduti su larga scala in Asia. La microcar dispone di quattro miniportiere di emergenze (due per lato) e l’accesso principale all’abitacolo da 1,8 metri di altezza avviene dal posteriore dove è stata ricavata una porta decisamente ampia: 170 per 60 centimetri. Il costruttore assicura che un dispositivo speciale protegge l’entrata da un parcheggio eccessivamente ravvicinato e spiega che la soluzione migliore sarebbe il posteggio perpendicolare (o a spina di pesce) con l’uscita a ridosso del marciapiede.

Per larghezza e altezza, ricorda la società russa Mirrowcars, ha dimensioni comparabili a quelle di un Suv ed all’interno, insiste, “la posizione del conducente dietro al volante e quella del passeggero anteriore sono vicine a quelle di Mercedes Classe E”. Solo che il minidado dovrebbe essere decisamente più leggero: grazie alle dimensioni, ma anche grazie all’impiego di polimeri riciclati, e solo per i rivestimenti esterni. La cellula di protezione è annunciata sicura come una cassaforte. Per gli spazi interni, Mirrowcars si è ispirata alle soluzioni aeronautiche, con i sedili su due file ed un corridoio interno dove possono venire piazzate anche valige di dimensioni “impegnative”.

Il motore si trova davanti, mentre serbatoio e sistema di scarico sono stati alloggiati nel “doppiofondo” della vettura. Secondo la società, Mirrow Procator può venire equipaggiata praticamente con qualsiasi tipo di propulsore, inclusi i sistemi elettrico ed ibrido (grazie allo spazio disponibile per sistemare le batterie) con un raggio d’azione annunciato fino a 350-400 chilometri. In caso di impiego delle tradizionali unità termiche si parla di turbo benzina a tre cilindri e di motori diesel fino a 1.5 litri con uno spunto da 0 a 100 all’ora di 8,7 secondi ed una velocità massima di 140 km/h. E poi il prezzo: in versione base (quella per i paesi caldi e quindi con carrozzeria “aperta” e senza vetri laterali) oscillerebbe fra i 3.500 ed i 4.500 euro. Oltre ai normali dispositivi di sicurezza (ABS, ASR, ESP e addirittura fino a 12 airbag), Provocator può venire equipaggiata con altri sistemi come la retrocamera per il parcheggio, l’assistenza alle partenze in salita e molto altro ancora. Circa i tempi dell’apertura degli ordini e le possibili configurazioni, Mirrowcars promette la definizione dei dettagli nel corso del 2016.

Mirrowcar Provocator

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Peugeot 2008, con il restyling al debutto a Ginevra va a caccia della Captur

next
Articolo Successivo

Volkswagen Up!, al Salone di Ginevra la piccolina mette il turbo – FOTO

next