Sulla sua pagina Facebook alcuni utenti la chiamano “il Totti del Taekwondo“. Cristiana Corsi, atleta romana che aveva partecipato ai Giochi Olimpici di Sydney 2000 e Atene 2004, è morta oggi a 39 anni dopo una lunga malattia. Lascia il marito e suo figlio, che ha 5 anni. La Federazione italiana Taekwondo l’ha ricordata con un post su Facebook: “Ciao Cristiana, grazie per tutto quello che ci hai regalato, per la tua forza d’animo, la tua grinta, i tuoi sorrisi immensi. Una grandissima atleta e una ancor più grande donna. Non ti dimenticheremo mai. La Federazione Italiana Taekwondo si stringe al dolore di Claudio, Francesco e dei familiari“.

La celebrazione della Messa per Cristiana Corsi si terrà il giorno 24 febbraio alle ore 10:30 presso la Parrocchia Sacri…

Pubblicato da Fita – Federazione Italiana Taekwondo su Lunedì 22 febbraio 2016

Nel corso della sua carriera, Corsi ha vinto varie volte il campionato italiano. L’ultima nel 2011, prima di ritirarsi. E’ salita sul podio con un oro agli Europei di Samsun (Turchia) nel 2002. L’anno successivo è stata medaglia d’argento all’Universiade di Daegu (Sud Corea). Infine, aveva conquistato il bronzo nel 2004 a Lillehammer (Norvegia) e nel 2008 a Roma.

(immagine tratta dalla pagina della Federazione Italiana Taekwondo)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Totti contro Spalletti: capitano mio capitano, non può finire così

prev
Articolo Successivo

Il caso Totti dimostra che questo Paese non sa immaginare il futuro

next