Ora “i decimali contano poco, l’importante è la direzione di marcia che è di crescita”. Parola del ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, che ha commentato così i dati preliminari dell’Istat sul pil 2015. Scegliendo peraltro di prendere per buono il +0,7% che è il dato grezzo, cioè non corretto per gli effetti del calendario: nel 2015 abbiamo lavorato tre giorni in più rispetto al 2014 e nel confrontare l’andamento delle due annate occorre tenerne conto, “sgrezzando” il dato. E il risultato fa solo +0,6%, contro lo 0,9% previsto dal governo Renzi nell’aggiornamento del Documento di economia e finanza su cui è basata la legge di Stabilità ancora sub iudice a Bruxelles.

Questione di decimali, appunto. Che però fino a due giorni fa per Renzi contavano eccome, tanto che tra le slide diffuse da Palazzo Chigi per celebrare i due anni di esecutivo ce n’è una che affianca al calo dell’1,9% registrato dal pil nel 2013 un “+0,8%” in caratteri rossi. Sopra i due numeri ci sono le scritte “ieri” e “oggi”, per sottolineare la svolta, attribuita ovviamente alle politiche economiche del governo. Del resto il premier aveva rivendicato quel risultato prima ancora che il 2015 finisse, nella e-news del 27 dicembre: “Quest’anno abbiamo cambiato verso: segno più. Più 0,8%”, recitava il primo di quindici punti dedicati ad altrettanti risultati che il presidente del Consiglio si attribuiva.

L’1 dicembre, poi, i decimali erano considerati talmente importanti che tra Renzi e Padoan era andato in scena un siparietto con tanto di botta e risposta in diretta. Il presidente del Consiglio, durante la presentazione dell’ultimo libro di Bruno Vespa, si era lasciato scappare: “Secondo me chiudiamo allo 0,8 anche se il Mef sostiene che comunque sarà lo 0,9“. Salvo poi ritrattare perché “mi ha appena scritto Padoan, mi ha detto: sullo 0,9 tieni la linea, non è Roma-Fiorentina”.

Che i decimali contino, insomma, Palazzo Chigi e il Tesoro lo sanno bene. Ci sono proprio i decimali al centro dello scontro con la Commissione Ue. La manovra italiana per il 2016 parte da una crescita ipotizzata allo 0,9% per calcolare l’andamento del rapporto deficit/pil, che il governo intende portare dall’1,4% inizialmente concordato fino al 2,4%. Una differenza che vale circa 16 miliardi. Se però il pil si rivela più basso del previsto, il rapporto aumenta. E la cifra su cui Renzi chiede flessibilità lievita.

6 agosto 2015 – Crisi, Renzi: “Un anno fa Pil negativo. Oggi Italia è ripartita”

13 novembre 2015 – Crescita, Pil rallenta ma Renzi: “Va bene così, Italia riparte”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pil, il leader Uil Barbagallo: “Dati Istat confermano che non c’è vera ripresa”. Ma per il Pd #Italiariparte

next
Articolo Successivo

Elezioni Roma, centrodestra richiama Bertolaso. Lui: “Accetto”. Non solo Silvio, c’è il sì anche di Meloni e Salvini

next