Il massiccio dispiegamento di polizia, i tafferugli, due persone denunciate a fianco di un furgone in cui sono stati ritrovati fumogeni, una mazza da baseball e striscioni rinforzati. La visita di Matteo Salvini in Sardegna ha scatenato tensioni e scontri tra forze dell’ordine e manifestanti del Coordinamento antifascisti cagliaritano, scesi in piazza per contestare l’arrivo del leader della Lega, oggi nel capoluogo sardo per l’inaugurazione del circolo a lui dedicato. Il corteo di antifascisti, dopo l’appuntamento iniziale sotto il palazzo della Regione in viale Trento, si è diretto nei pressi del circolo in viale sant’Avendrace, presidiato dalla polizia in tenuta antisommossa, e lì i manifestanti hanno lanciato uova con vernice contro le forze dell’ordine e fatto esplodere una grossa bomba carta, oltre a danneggiare due bancomat.

Qui, dopo il lancio da parte di qualche manifestante di vernice e fumogeni, i militari hanno deciso di caricare il corteo, disperdendolo. Tra i partecipanti al corteo anche il segretario regionale del Prc Giovannino Deriu: “Sono qui per dire che Salvini è indesiderato in terra sarda, e la protesta di oggi lo dimostra”, ha detto ai cronisti.

Denunciate due persone, un 42enne e un 28enne, bloccate alla mattina dalla Polizia accanto a un furgone a bordo del quale sono stati trovati fumogeni, una mazza da baseball e striscioni rinforzati. Il mezzo è stato individuato in via Porcel, a Castello, accanto il proprietario e il giovane. Gli agenti della volante lo hanno perquisito trovando la mazza metallica, striscioni con scritte “A fora sa Lega”, e “Sardegna Antifascista”, alcune cassette di arance, i fumogeni e striscioni rinforzati trasformati in scudi per aggredire le forze dell’ordine.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Migranti, missione Nato nell’Egeo. Usa: “Aspettiamo da Europa aumento fondi”

next
Articolo Successivo

Renato Bialetti morto: addio all’omino coi baffi che rese celebre la Moka

next