E’ morto Renato Bialetti, “l’omino coi baffi” che ha reso famosa la caffettiera Moka. Nato a Omegna e cresciuto nell’azienda di famiglia fondata dal padre, Bialetti si è spento a 93 anni ad Ascona, nel Canton Ticino. Da più di 80 anni la sua Moka accompagnano gli italiani nel risveglio mattutino, per un”espresso come al bar“. La celebre pubblicità trasmessa dal Carosello degli anni Cinquanta e Sessanta rese familiare quei baffi disegnati da Paul Campani e ispirati al patron della caffettiera. Nel 1986 aveva ceduto l’azienda di famiglia alla Faema, ma era tornato a Omegna nel 2013 in occasione dell’ottantesimo anniversario della sua Moka.

L’oggetto simbolo del made in Italy nasce da un’idea di suo padre, Alfonso, che nel 1933 ebbe la geniale intuizione guardando la moglie fare il bucato con gli strumenti dell’epoca. Da allora, la Moka Express, la caffettiera dalla base ottagonale e dalla silhouette innovativa, è entrata nelle case italiane sostituendo la tradizionale napoletana, basata sul principio della teiera e più difficile da usare. Negli anni Cinquanta Renato subentra al padre, portando ai massimi livelli l’azienda di famiglia e trasformando la Moka in un vero e proprio oggetto di design, esposto oggi tanto nelle credenze degli italiani quanto nei musei, come il Moma di New York e la Triennale di Milano, che l’hanno ufficialmente consacrata a opera d’arte vera e propria. Negli anni il design della Moka è cambiato, evolvendosi e ammorbidendosi, al passo con i nuovi materiali ed esigenze ma è rimasto l’omino coi baffi.

Alcune delle celebri pubblicità della Moka Express

https://youtu.be/gWwv9Kt6lZM

https://www.youtube.com/watch?v=K2fTRhYytU4

https://youtu.be/B2YE1dD9p2Y

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cagliari, Salvini inaugura circolo leghista Scontri tra la polizia e antifascisti

prev
Articolo Successivo

Aldo Moro, la figlia Maria Fida: “Poteri oscuri sulla mia famiglia”

next