Ancora bombe su un ospedale: dopo l’Afghanistan, la Siria. Alcuni raid hanno colpito l’ospedale gestito da Medici Senza Frontiere nel governatorato di Dara, uccidendo tre persone e ferendone almeno sei tra cui un’infermiera. Lo annuncia l’organizzazione sul proprio sito, spiegando che gli attacchi aerei sono stati effettuati sull’ospedale di Tafas vicino al confine con la Giordania nella notte del 5 febbraio, causando gravi danni alla struttura.

Lo scorso 3 ottobre un evento analogo si era verificato in Afghanistan: quel giorno i caccia della Nato avevano bombardato il centro traumatologico di Msf a Kunduz City, capoluogo della provincia settentrionale e prima città a cadere nelle mani dei talebani dopo la guerra del 2001. Secondo il governo afghano all’interno della struttura erano “nascosti alcuni terroristi”, lasciando intendere che per le forze della coalizione la struttura si era trasformata in un obiettivo militare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Corea del Nord riaccende reattore nucleare che produce plutonio

prev
Articolo Successivo

Stragi di Parigi, Francia approva la revoca della cittadinanza per i terroristi

next