Che ci fossero, si sapeva da mesi. Ora saranno anche visibili. Mosca ha dispiegato una grande quantità di aerei da guerra e batterie missilistiche a Latakia, in Siria, dove la Russia è impegnata a sostenere il regime di Bashar Al Assad. Lo rivelano una serie di foto satellitari che saranno mostrate martedì dal Fisher Institute in un convegno sulla ricerca spaziale ad Herzlyia. In particolare le foto indicano batterie di missili S400 e accanto sistemi missilistici SA22. Sulle piste ci sono anche 30 aerei da combattimento russi.

L’istituti israeliano ha spiegato in un comunicato che le fotografie da esso analizzate sono state riprese giorni fa dal satellite israeliano Eros, che è gestito dalla Isi (ImageSat International).

Secondo il direttore del Centro di ricerca spaziale Tal Inbar, le batterie S400 sono adesso operative, e al loro fianco sono installate batterie SA22 Pantsyr. Si tratta di un rafforzamento delle misure difensive, dovuto forse – ipotizza l’Istituto – al timore di una eventuale escalation militare con la Turchia.

Nel giorno in cui sono state scattate le fotografie, secondo il Fisher Institute, sulle piste di Latakia si notavano undici Sukhoi 24, dieci Sukhoi 25, sette Sukhoi 34 e quattro Sukhoi 30: tutti aerei russi da combattimento. Secondo gli analisti, è possibile che quel giorno altri aerei ancora fossero in missione altrove. Nello storico porto russo in terra siriana i vertici militari del Cremlino hanno messo a punto installazioni nelle quali vengono sostituiti i motori dei Sukhoi 24, che sembrano essersi logorati nel corso dei ripetuti attacchi condotti contro lo Stato Islamico e le forze ribelli che combattono il regime di Damasco.

Il ministero della Difesa russo ha confermato di aver dislocato in Siria i nuovissimi jet Su35s, punta di diamante delle forze aeree di Mosca. Il ministero ha fatto sapere inoltre che l’impiego dei bombardieri a lungo raggio ha impedito ai jihadisti di “assaltare” l’area di Deir ez-Zor.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Isis, fuggì con figlio in Siria: 26enne britannica condannata a sei anni

prev
Articolo Successivo

Turchia, bimbi siriani rifugiati al lavoro per le griffe della moda: H&M e Next

next