In Armenia, in Mongolia, in Nepal, e in altri paesi, compresi gli Stati Uniti, questo video non è accessibile alla visione: i soliti diritti d’autore legati alle musiche non originali che a volte uso per i miei film. Quando uso le musiche di Nicola Gelo, il mio compositore “privato”, questo problema non si pone. Ma in Europa il video è totalmente disponibile, e dato che sono un europeista convinto, ve lo propongo.

In questo amarcord filosofico ci sono alcuni miei aforismi che vengono presentati in modo giocoso. Sono una sorta di “ricetta” per vivere la vita in modo leggero, consapevole che la vita è un vicolo cieco ma inondato di sole. Proprio l’assenza di speranza rende la vita così “divertente” ai miei occhi.

Qualcuno ha scritto che la vita è un lugubre scherzo, per me non è proprio così, la vita è uno scherzo, anche terribile, ma non è lugubre, ci sono i fiori, le farfalle, le rondini, e gli involtini che fanno primavera, un esercito di involtini primavera. Tutto ciò non può essere lugubre, caro Strindberg. Lascio al vostro buon cuore la visione dei miei aforismi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cosenza, sanità delle infrastrutture o salute delle persone?

next
Articolo Successivo

#SvegliatiItalia e #FamilyDay: piazze piene purché non si parli di lavoro

next