Se qualcuno ha guai finanziari, di solito va in banca o da Equitalia; Marco Baldini invece va in Tv. E siccome i guai non gli mancano mai, in Tv ci va spesso, più di quando faceva coppia con Fiorello, anche solo per dire che ha smesso di andare in Tv.

Domenica scorsa era da Barbara D’Urso (Domenica live, Canale 5) per rispondere all’ennesimo creditore: versioni a confronto, intervista all’avvocato eccetera. EquiBarbara lo ascoltava ed esponeva il campionario delle sue emoticon con apprensione e comprensibile gratitudine.

durso675

A modo suo, Baldini è un innovatore, un pioniere capace di segnare nuovi sconfini nel suo conto in banca, ma anche nuovi confini dell’ospitata, rompendo il Muro di Berlino separa i vip dalla gente comune. Da che mondo è mondo, i vip vanno in video per autopromuoversi tra gli applausi, la gente comune invece per raccontare le proprie disgrazie meglio se in lacrime (anche qui, misteriosamente, tra gli applausi).

Ma ora Baldini ha aperto una breccia nel Muro: anche il vip piange, è nella palta, e ci racconta in diretta perché. E’ la sfiga che avanza e non fa prigionieri, di cui la D’Urso è la massima specialista: sempre domenica scorsa, abbiamo avuto anche l’outing di Claudio Lippi in braghe di tela, e perfino lo sfratto in diretta dell’ex moglie di Totò Schillaci. Non è vero che in Tv non si inventa più niente, anzi, la macchina del trash non è mai stata così creativa. E poi, lo sappiano: tira più un pelo di sfiga che un carro di buoi.

Il Fatto Quotidiano, 26 gennaio 2016

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ascolti Tv: la classifica dei programmi più visti negli ultimi vent’anni

next
Articolo Successivo

Le Iene, le nuove conduttrici femminili funzionano bene (Miriam Leone compresa). I più in difficoltà? Pif e Fabio Volo

next