Nell’ambito della maxi inchiesta della Procura di Napoli sui vertici del calcio italiano indagati per presunte false fatturazioni ed evasione fiscale, questa mattina alle 8.30 è stata perquisita anche Casa Milan, la sede della società rossonera in zona Portello a Milano. I militari del nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza si sono presentati con un decreto di perquisizione e di sequestro. L’intento è quello di acquisire alcuni documenti nell’ambito dell’inchiesta condotta dai magistrati napoletani.

L’inchiesta della Procura di Napoli, denominata “Operazione Fuorigioco“, vede gli uomini della Guardia di Finanza impegnati a effettuare sequestri di denaro per oltre 12 milioni di euro su conti correnti di 58 indagati e di perquisizioni nei confronti di almeno 33 persone tra calciatori e agenti.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Serie A, Dybala con i suoi gol trascina la Juventus nella corsa scudetto – Video

next
Articolo Successivo

Calcio, inchiesta per evasione fiscale. De Laurentiis: “Solo fuffa, roba vecchia”. Malagò: “Danno a immagine dello sport”

next