La senatrice Taverna del M5S ha paragonato Renzi a Mussolini? E’ imbarazzante la sua ignoranza storica, ha detto una cosa fuori dalla grazia di Dio. Non è molto erudita, avrà fatto le scuole serali tutt’al più“. Così il senatore di Ala, Vincenzo D’Anna, commenta ai microfoni de La Zanzara (Radio24) le recenti dichiarazioni di Paola Taverna sul governo Renzi e sul ventennio fascista. “Chi ha fatto le scuole serali” – continua – “è arrivato a un’istruzione di basso grado, non è che si fanno per prendere la laurea o per prendere il diploma di maturità classica o scientifica. C’è chi sa e chi non sa. La Taverna non sa“. D’Anna si pronuncia poi sulla bagarre Mancini-Sarri: “A Napoli veramente per indicare un gay si dice “ricchione”. Quindi, se avesse voluto offendere Mancini, avrebbe detto “ricchione”, non “frocetto”. Ma io credo che lui intendesse “fighetto”, perché Mancini non è stato mai sospettato di omosessualità, però si presenta sempre bello, elegante, tutto in ghingheri. E in genere si dice “sembra un frocetto” per indicare uno che si agghinda bene e si presenta affettato nel modo di vestire”. E aggiunge: “Io ne ho le scatole piene di questo perbenismo. I film e la tv sono pieni di parolacce, di scurrilità, di violenza e nessuno dice niente. Una volta tanto che dici una parolina o diventi sessista oppure omofobo, usando peraltro parole che sono nel lessico quotidiano delle famiglie e degli individui. Termini come ‘frocio’ e ‘finocchio’ si usano tra i giovani, quando uno si mette in un atteggiamento più sgargiante. Non è omofobo dire questo“. Poi l’invettiva del verdiniano contro il tecnico del Napoli, reo di aver scomodato i democristiani nella sua conferenza stampa: “Sarri si deve sciacquare la bocca prima di parlare dei democristiani. E quando noi eravamo democristiani, lui faceva il tifo per l’Urss, ma, poiché è un ignorantone e avrà fatto anche lui le scuole serali, parla a vanvera. Non va messo sulla croce, è solo un ignorantone. Se però ci fosse stata ancora la Dc, l’avrei mandato a fare in culo“. E chiosa: “Anzi, lo sto mandando a fare in culo, perché se lui è un vecchio comunista significa che non ha mai capito niente nella vita. Forse avrà imparato come si allena una squadra di calcio, ma della Dc quelli come Sarri non possono neanche parlare. Quindi, vada a fare in culo. Comunque, di Sarri me ne fotto, sono milanista

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Unioni Civili, Scalfarotto: “Il Paese ha già digerito la legge. Ora la politica dia risposte”

next
Articolo Successivo

Renzi: “Italia non fa bizze in Europa. Difendiamo solo interesse nazionale”

next