Una vittima italiana nell’assalto di al Qaida di venerdì a Ouagadougou. E’ quanto ipotizza il nostro ministero degli Affari Esteri a 48 ore dalla strage. “Il figlio minore di circa 9 anni del titolare italiano del ristorante ‘Cappuccinò, signor Gaetano Santomenna – fa sapere la Farnesina – si trovava all’interno del locale al momento dell’assalto insieme a sua madre, cittadina straniera. Le operazioni formali di riconoscimento dei corpi delle numerose vittime dell’attentato sono tuttavia ancora in corso da parte delle autorità del Burkina Faso”. Nel frattempo arriva però da Kiev la conferma. Una nota del Ministero degli Esteri ucraino fa sapere che la moglie ucraina e il figlio di 9 anni dell’italiano sono morti, precisando che tra le vittime figurano anche la madre e la sorella ucraine della moglie di  Santomenna.

Esprime il proprio cordoglio il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: “La mano violenta dei terroristi non si ferma nemmeno di fronte a un bambino di nove anni. L’esecrabile attentato compiuto in Burkina Faso, nel quale è rimasto ucciso il piccolo Michel Santomenna, dimostra, una volta di più, che l’obiettivo del terrorismo fondamentalista è distruggere ogni regola di civiltà e il senso stesso di umanità. L’Italia perde un suo bambino e si stringe attorno al padre Gaetano Santomenna”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Isis, in Siria strage di civili nell’area del petrolio. “300 morti e 400 rapiti. Almeno 150 decapitati, anche donne e bambini”

prev
Articolo Successivo

Schiavi in Usa, la storia di Ellen e William – Italiani depressi e neri coraggiosi

next