È un ricordo l’embargo preteso sui dati dei passeggeri Atm e della raccolta rifiuti di Amsa all’interno del sito Expo per non fare capire il numero dei visitatori. Come un ricordo sono le risposte non date sul bilancio di Expo e sulle bonifiche del sito. L’amministratore delegato della società Giuseppe Sala oggi ha parlato dal palco del Piccolo Teatro Strehler di Milano come candidato alle primarie del centrosinistra per presentare le linee guida del suo programma.
Ed è certo di una cosa: “Vorrei un’amministrazione trasparente, con gli impegni di spesa e gli obiettivi visibili dai cittadini. A New York Bloomberg ogni tre mesi rendiconta quello che fa, affinché il giudizio sul sindaco e sulla giunta non derivi solo da quello che i media fanno apparire, ma sia quanto più possibile una misurazione diretta dei cittadini”. Tra chi è venuto ad ascoltare Sala c’è il comico Antonio Albanese, che ha prestato la sua voce per la campagna di comunicazione dell’esposizione universale: “Siamo reduci da un successo mediatico e commerciale impetuoso. Vediamo di capire quali sono le conseguenze e di conoscere i numeri”
@gigi_gno
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Marco Carrai a capo di un’agenzia per la cyber-security: nascono gli 007 del Giglio. Per lui la qualifica di agente segreto

prev
Articolo Successivo

Unioni civili, Vendola all’assemblea nazionale di Sel: “Ddl Cirinnà è il minimo sindacale”

next