Si intitola “Figlio di un migrante siriano” e ritrae uno Steve Jobs, computer in mano e sacco in spalla. E’ un’opera dell’artista britannico Banksy, che ne ha anche postato delle fotografie sul suo sito ufficiale, spiegando che si tratta di un modo per contestare la percezione che i migranti e i rifugiati siano un salasso per le economie occidentali. L’opera è stata dipinta proprio mentre è in corso l’azione di sgombero del campo dove nei mesi scorsi si sono accampati migliaia di profughi (fino a 4 mila)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cede la strada: camion viene inghiottito nella voragine

next
Articolo Successivo

Burkina Faso, conflitto a fuoco tra forze speciali e attentatori dopo l’assalto all’hotel degli stranieri

next