Si intitola “Figlio di un migrante siriano” e ritrae uno Steve Jobs, computer in mano e sacco in spalla. E’ un’opera dell’artista britannico Banksy, che ne ha anche postato delle fotografie sul suo sito ufficiale, spiegando che si tratta di un modo per contestare la percezione che i migranti e i rifugiati siano un salasso per le economie occidentali. L’opera è stata dipinta proprio mentre è in corso l’azione di sgombero del campo dove nei mesi scorsi si sono accampati migliaia di profughi (fino a 4 mila)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cede la strada: camion viene inghiottito nella voragine

prev
Articolo Successivo

Burkina Faso, conflitto a fuoco tra forze speciali e attentatori dopo l’assalto all’hotel degli stranieri

next