Nel giorno in cui il petrolio è calato per la prima volta dal 2003 sotto i 30 dollari al barile, si è diffusa la notizia che la Russia ha deciso di tagliare la spesa pubblica del 10% perché gli introiti dalla vendita di idrocarburi stanno calando a picco. Lo hanno rivelato due fonti dell’esecutivo a Reuters. I tagli escluderanno diversi capitoli di spesa, tra cui le pensioni dei dipendenti pubblici. Secondo il piano, che è stato approvato in una riunione presieduta dal primo ministro Dmitri Medvedev a dicembre, le amministrazioni hanno tempo fino al 15 gennaio per presentare le proposte su dove intervenire con le sforbiciate, ha riferito una delle fonti. I risparmi complessivi dovrebbero essere pari a 700 milioni di rubli, circa 9,16 miliardi di dollari. I conti pubblici di Mosca sono fortemente sotto pressione in quanto il budget 2016 è stato studiato su un prezzo di 50 dollari al barile.

Sempre martedì la moneta russa, il rublo, è sceso ai minimi storici contro il dollaro Usa per il secondo giorno consecutivo, affossato dal crollo del barile che viaggia vicino ai minimi da 12 anni. La Banca centrale di Russia ha fissato un tasso ufficiale per la valuta nazionale a 76,6 per un dollaro, anche se alla borsa di Mosca il biglietto verde è scambiato con 77 rubli. Si tratta del minimo storico per il rublo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ferrovie dello Stato, Padoan: “Non so quanto ricaveremo da quotazione. Ma non vogliamo solo fare cassa”

next
Articolo Successivo

Grindr diventa cinese, venduto il 60% delle azioni a Beijing Kunlun Tech Company

next