Nashat Melhem, il presunto autore dell’attacco avvenuto il primo gennaio in un pub di Tel Aviv, è stato ucciso. Lo riferisce l’edizione online di Haaretz, specificando che l’uomo è morto nel corso di una sparatoria con la polizia, nel suo villaggio natale di Arara nel nord d’Israele.

Il portavoce della polizia, Luba Samri, ha fatto sapere che Melhem è stato rintracciato in una moschea di Um el-Fahemun e circondato dalle forze dell’ordine: una volta uscito dall’edificio ha iniziato a sparare nel tentativo di scappare ma è stato ucciso dagli agenti che hanno risposto al fuoco. Un comunicato dello Shin Bet (sicurezza interna) aggiunge che Melhem ha sparato sui poliziotti con un fucile Falcon: lo stesso utilizzato la settimana scorsa nell’assalto al pub. Il ministro israeliano per la Sicurezza interna, Ghilad Erdan ha ringraziato le forze dell’ordine e “chiunque ha partecipato al massiccio sforzo per rintracciare il terrorista criminale che ha compiuto l’attacco a Dizengoff”.

L’uomo, un cittadino arabo israeliano, il pomeriggio del primo dell’anno aveva aperto il fuoco in un pub di Tel Aviv uccidendo due persone e ferendone altre sette. Melhem era stato identificato grazie alla segnalazione del padre che aveva riconosciuto dalle immagini delle telecamere di videosorveglianza trasmesse dalle televisioni israeliane. L’attentatore era però riuscito a far perdere le sue tracce. Si sospetta che nella sua fuga abbia anche ucciso un tassista, trovato agonizzante sulle dune a nord di Tel Aviv poco dopo l’attacco.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Colonia, donne aggredite a Capodanno: “18 richiedenti asilo tra i 31 identificati per furti e lesioni”

prev
Articolo Successivo

Messico, Pena Nieto annuncia su Twitter: “Arrestato El Chapo, missione compiuta”

next