Droni, case connesse, auto che si guidano da sole e visori per la realtà aumentata al Ces di Las Vegas, Tra gli oggetti in esposizione nella più grande fiera al mondo dell’elettronica al consumo ci sono dispositivi di un’epoca che fu, come la videocamera Super 8, amata da registi del calibro di Quentin Tarantino, Steven Spielberg, Christopher Nolan e J.J. Abrams che ha diretto l’ultimo episodio di Star Wars.

Ma al Ces l’operazione nostalgia non finisce qui. Ci rientra anche il giradischi, forte del grande rilancio del vinile. Sony lo reinventa aprendosi, anche in questo caso, al mondo digitale: il modello visto alla fiera dell’elettronica si chiama PS-HX500 ed è in grado di convertire la musica da vinile in file audio ad alta risoluzione. Il dispositivo del colosso giapponese ha anche un design elegante e minimalista, sarà disponibile a partire da maggio. E a Las Vegas c’è spazio per un’altra vecchia gloria come Polaroid che ha approfittato dell’evento per presentare la nuova Snap+, versione migliorata della fotocamera istantanea presentata a settembre scorso all’Ifa di Berlino. Ha un display touch e può registrare video in full Hd.

Affianco alla tecnologia ‘vintage’ c’è la realtà aumentata e la realtà virtuale. Grazie anche alla spinta degli Oculus Rift, il visore di proprietà di Facebook, i cui preordini si sono aperti poche ore fa. “Crediamo che la realtà aumentata sia la prossima e principale piattaforma di computer, cambierà il modo in cui ci connettiamo e comunichiamo”, ha spiegato Mark Zuckerberg. Il caschetto permette a chi lo indossa una esperienza totalmente immersiva, come nei videogiochi. Sarà disponibile da questa primavera e farà gola in prima battuta agli amanti dei gadget (il prezzo non è proprio accessibile, si aggira intorno ai 600 euro) in seguito, dicono esperti e analisti, si allargherà al grande pubblico. Su questo terreno si stanno già sfidando Samsung con il Gear VR, Google con Cardboard e Htc che al Ces ha lanciato la nuova versione del Vive Pre, che rispetto agli altri visori ha anche una fotocamera.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Iphone 7, auto elettriche, realtà virtuale e app per controllare casa a distanza: il 2016 a tutta tecno

next
Articolo Successivo

Oculus Rift, il problema non è solo il prezzo: scarna la lista dei giochi che lo supporterà

next