Il candidato alla Casa Bianca del partito repubblicano Donald Trump manda in onda il suo primo spot elettorale. Tra le immagini anche l’assalto di decine di migranti alla frontiera tra Stati Uniti e Messico. Ma quello che si vede nel video non è il confine Usa. E quelli che corrono non sono messicani. Ad accorgersi del ‘fake’ è il sito americano di fact checking politico Polifact, che in un articolo smaschera il montaggio targato Trump e tutta la montatura ‘anti-invasione’. Nel suo spot decine di migranti assaltano una cinta muraria dietro la scritta “Stop illegal immigration“, riferendosi ai flussi clandestini che dal Messico muovono verso gli Stati Uniti. In realtà il filmato mostra il confine tra Spagna e Marocco, e le immagini sono state prese da un video di Repubblica TV che mostra “l’assalto di centinaia di migranti al muro che separa l’enclave spagnola di Melilla dal Marocco” avvenuto il primo maggio 2014

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cina, il ‘reato’ di gossip e il caso dei cinque librai scomparsi a Hong Kong: due sono cittadini europei

prev
Articolo Successivo

Bomba all’idrogeno, ecco come è l’ordigno nucleare più potente di quello atomico

next