Bologna non cambiare mai, ti prego. Rimani così ché si sta troppo bene.

A Bologna bisogna continuare a votare Pd credendo di votare Pci e mantenersi ostili verso chiunque non sia di Bologna. Questo leghismo interiore è noto come: BOLOGNESITÀ.
Tutto il resto sono dettagli, la città è benestante, gli umarells e le zdaure sono pieni di soldi da elargire a figli e nipoti in modo tale che continuino imperterriti a lavorare gratis o a creare startapp inutili che realizzino app inutili o che facciano corsi su argomenti tipo Facebook, Twitter, lo storytelling e altre cazzate per passare il tempo (vanno molto di moda anche il bio e le birre artigianali). Mai stati meglio e questo il sindaco Merola lo sa e vincerà ancora una volta.

bologna675

Seguirà concerto di Andrea Mingardi sui cubi sotto le due torri e biciclettata con polpette bio a San Luca (offerta libera, 10 euro). Seguirà crowfounding, fundraising e Social pugnetting con foto postate su Instagram e tanti #hashtag #unopiùbellodellatro.

Qualcuno continuerà a fare pipì per strada e a rendere piazza Verdi sempre peggiore, ma questo deve rimanere così, sono i volani del turismo che da 45 anni attirano studenti da tutto il mondo, rubando turismo e risorse ad Amsterdam e ai suoi bolsi “coffee Shop”. Non ci sarà più Beppe Maniglia, sparirà. La sua rumorosa opposizione sarà rimossa e deportata a Cattolica, ma tranquilli: i favolosi continueranno a rompervi i coglioni cercando di vendervi le favole africane sul Crescentone e gli MnM (Mimi non Mimi) continueranno a spaventare i bambini e a venire alle mani con i genitori durante i TDays.

Previste in calo le file davanti all’Apple Store e si parla già di una ciclabile sotto ad ogni portico. E fanculo il pneumologo che dice che pedalare in mezzo al traffico (il traffico è il prezzo da pagare per il troppo lavoro) fa male.

Lunga vita al sindaco! Mai stati meglio e meglio staremo. Ah, grazie RyanAir che almeno ci porti qualche turista da spennare che se no chi la considerava Bologna?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd Reggio Emilia, le sezioni storiche in vendita: “Troppo grandi e sempre meno iscritti. Ma non è solo colpa di Renzi”

next
Articolo Successivo

Aemilia, la sindaca anti-cemento e l’acqua (non più) pubblica: il 2015 con il Fatto Emilia Romagna

next